Caro benzina? A Vanzaghello i malviventi rubano il gasolio dalle auto posteggiate in strada

di Deborah Ali

VANZAGHELLO (MILANO) – Caro benzina? A Vanzaghello, per aggirare l’aumento dei costi, arrivano i ladri di carburante. Per i più attempati potrebbe sembrare di essere tornati indietro nel tempo, ma l’episodio che è successo solo pochi giorni fa ha dell’incredibile. Una donna, dopo aver lasciato la macchina parcheggiata in strada lungo via Bellini, ha ritrovato la vettura con lo sportellino del serbatoio manomesso e con la scatola a cui è montato abbandonata a terra. Ignoti, pare non ancora identificati, avrebbero tentano di rubare la benzina dalle macchine parcheggiate lungo la strada.

La testimonianza della vittima

“Che possa essersi smontato da solo lo trovo alquanto impossibile – commenta sarcastica la donna – visto che per rimontarlo ho dovuto forzare in modo da riuscire a incastrare i blocchi. Temo che l’ipotesi più plausibile sia quella che abbiano tentato e sperato di poter prelevare la benzina. Cosa che alla fine non è riuscita, perché sulla mia macchina serve la chiave per aprire la manopola. È difficile che io lasci la macchina in strada e credo che lo farò ancora meno dopo questo episodio”.

Tornano di moda i ladri di benzina

Da tempo non si sentiva più parlare di ladri di benzina, ma l’aumento del prezzo del combustibile forse ha fatto tornare di moda un vecchio trucco utilizzato dai malintenzionati. Una volta le auto erano meno moderne e protette, quindi bastava svitare il tappo del serbatoio, infilare all’interno un tubo di plastica e riversare il gasolio o la benzina in una tanica. Poi le case automobilisti hanno migliorato i loro prodotti, inserendo le valvole di sicurezza. E i furti di carburante dalle auto si sono ridotti, quasi a scomparire. “Fino a questa settimana – commenta un signore – al giorno d’oggi rubano di tutto, quindi non sorprende che siano riusciti a trovare il modo di tornare a rubare la benzina dalle auto. D’ora in avanti bisognerà prestare attenzione a dove si parcheggia la macchina”.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.