Pesanti accuse ai bar di Magenta. A parlare è un ex dipendente (GUARDA IL VIDEO), che ha svolto il ruolo di barista e cameriere per anni: “Vi lamentate di tutto e di tutti, ma non dite nulla degli straordinari pagati in nero, dei mancati controlli della Guardia di finanza e di tutto il cash che avete fatto”

di Ersilio Mattioni

MAGENTA (MILANO) – E’ una bomba il post di P.V., ex barista e cameriere di un locale del centro di magenta. Le sue pesantissime accuse (GUARDA LA VIDEO-INTERVISTA) ai bar della città rimbalzano sui social e raccolgono poche critiche e molti plausi. Inevitabile che si apra un dibattito, chiamando in causa vecchi vizi italici mai abbandonati: il lavoro nero e l’evasione fiscale.

Il post su Facebook dell’ex barista di Magenta

La testimonianza

“Ho fatto il barista dal 2015 al 2018, dopo anni di imbianchino. Per conto mio – scrive P.V., prima di entrare nel vivo delle accuse ai bar – mi sono pagato svariati corsi. Ho cominciato facendo il gelato in laboratorio, per poi passare sul banco alla macchina del caffè. Con l’esperienza ho cominciato a stare anche in sala e piano piano sono arrivato a ricoprire tutti i posti che si potevano ricoprire”.

Lavoro nero

Prima delle accuse ai bar, una premessa: “L’ho conosciuto il settore, ci sono stato dentro fino al collo: 6 giorni di lavoro alla settimana, ovviamente sabato e domenica compresi. Pensare di fare un weeekend è cosa più unica che rara”. Poi la prima bordata: “Le condizioni di lavoro si conoscono: straordinari pagati a 6 euro l’ora, ovviamente in nero quando venivano pagati. Già, perché se il turno finisce alle 16 ma c’è gente, allora vai via alle 16,30 e non pensare di poter chiedere (il pagamento di quella mezzora in più, ndr)”.

Stipendi bassi

P.V. diventa più specifico: “La stipendio base è di 1.100 euro, a 38 anni. Contratto di lavoro da cameriere, ma al posto che fare il cameriere fai il barista, fai le pulizie, fai gli ordini, fai cassa e poi, solo poi, fai il cameriere”. Le accuse ai bar sono tante: gli straordinari non pagati, i salari da fame, l’oggetto del contratto e, naturalmente, il cassetto che si riempie anche di soldi in nero.

Mancati controlli

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

“Oggi giustamente – insiste l’ex barista – molti di voi sono in difficoltà e criticano a spada tratta tutto e di più. In parte lo posso anche capire, ma c’è un limite. Come mai, in tutti questi anni, non ho mai sentito i gestori dei locali lamentarsi dei mancati controlli della Finanza? O dell’assenza di controlli da parte dei Comuni sull’occupazione del suolo pubblico, che spesso non viene rispettata?” E ancora: “Non vi siete lamentati di tutti i soldi cash che avete potuto fare”.

“Avete approfittato della situazione”

“È comodo oggi – chiosa P.V. – lamentarsi della situazione, dire che lo Stato è assente e che dà pochi soldi. Ma la verità è che fino a ieri avete potuto approfittare della situazione. Troppo comodo così. Ora è il momento di resistere, non di lamentarsi. Nella merda ci siamo tutti, non solo voi”.

LA VIDEO-INTERVISTA CON L’EX BARISTA PAOLO VALLARELLA

I COMMENTI