Il leader ambientalista lancia l’allarme sulla presenza di un diserbante nei pozzi di acqua: “C’è atrazina, è necessario mettere dei filtri”. Il sindaco: “Sciocchi che parlano per niente”

di Deborah Ali

BUSCATE (MILANO)L’acqua di Buscate è inquinata? Non secondo il sindaco, Fabio Merlotti, che nei giorni scorsi ha attaccato Guglielmo Gaviani per l’allarme lanciato pubblicamente: “Leggo che sarà necessario mettere dei filtri a un pozzo di Buscate – aveva detto l’ex candidato sindaco del centrosinistra – perché c’è un diserbante (Atrazina) nell’acqua”.

“Acqua inquinata, lo dice una delibera”

“Il sindaco si è affrettato a dichiarare che ‘la nostra acqua è ottima e non presenta alcun elemento nocivo per la nostra salute’ – spiega Gaviani – ma allora perché Cap Holding spende 309.567 euro per i filtri? Se non c’era nessun pericolo perché non informare la popolazione in uno dei suoi settimanali interventi sui social invece di scoprirlo in una delibera di giunta pubblicata sul sito del Comune (che non guarda nessuno)?”

La replica del sindaco Merlotti

A stretto giro replica il primo cittadino: “L’acqua del rubinetto è buona! Gli sciocchi dovrebbero evitare di parlare per niente. Non posso non arrabbiarmi quando leggo certe cose – ha detto il Sindaco in un videomessaggio rivolto alla cittadinanza – in quelle parole c’è solo la voglia di far confusione. Se ci fosse stato un reale pericolo, mi sarei premurato di informare i cittadini. Cap Holding ha deciso di investire in questi filtri proprio per prevenire possibili rischi”. A confermare che l’acqua del paese non presenta criticità è stato anche il gestore del servizio idrico, ovvero la stessa Cap Holding.