La prima somministrazione fissata il 23 dicembre 2021, ma la busta con l’appuntamento per il vaccino viene consegnata il 5 gennaio 2022. É successo a una madre di Arluno, nel Milanese: “Colpa delle Poste”

17 GENNAIO 2022

di Francesco Bagini

ARLUNO (MILANO) – Non c’è solo il vaccino anti Covid-19 a far parlare di sé in questo periodo ad Arluno, nel Milanese. Una neomamma residente in paese infatti non ha potuto vaccinare il proprio bambino a causa di un grave ritardo degli uffici postali.

2 settimane di ritardo

A raccontare l’accaduto ai microfoni di ‘Libera Stampa l’Altomilanese‘ è la stessa donna: “Mio figlio è nato il 21 ottobre 2021 e l’ospedale un mese dopo, il 18 novembre, ha spedito la lettera contenente l’appuntamento per la sua prima somministrazione. La convocazione era fissata per le ore 8.50 del 23 dicembre”. La missiva però è arrivata in grande ritardo, addirittura il 5 gennaio 2022.

Il post ironico

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

A quel punto la giovane ha denunciato l’episodio su Facebook, attraverso un post sarcastico: “Un grazie alla posta di Arluno che ha consegnato in tempo la busta per la prima vaccinazione del mio bimbo”. Allo sfogo ha allegato pure le immagini dei timbri con la data di invio.

La busta con la data del 18-11-21

Tutto da rifare

La seduta era ormai scaduta”, ha aggiunto la madre. “Alla fine ho dovuto mandare una mail al centro vaccini di Magenta, che mi ha registrato una nuova prenotazione”.

Le altre vaccinazioni…

Intanto in paese prosegue la campagna vaccinale anti Coronavirus. Ad oggi, lunedì 17 gennaio 2022, gli arlunesi con 3 dosi sono 5.008, pari al 50,8% della popolazione (la percentuale era del 47% venerdì 14 gennaio), mentre coloro che hanno ricevuto la seconda fiala o quella unica sono 9.858. Infine i non vaccinati sono 2.066 (erano 2.120 venerdì 14 gennaio), su 12.144 abitanti.

VEDI ANCHE:

I COMMENTI