gallera

Vittuone, il parroco cambia l’orario: battesimo spostato, la mamma deve battezzare il figlio in un altro Comune

di Francesca Ceriani

VITTUONE (MILANO) – Spostato l’orario della cerimonia del battesimo, ma nessuno avvisa la mamma. E’ quanto successo la scorsa settimana nella Parrocchia di Vittuone.

Battesimo spostato: nessuno lo dice alla mamma

A denunciarlo è la mamma stessa, molto delusa e amareggiata dal comportamento del parroco, don Maurizio Calzoni. “Avrei dovuto battezzare mio figlio il 12 giugno alle 15.30 – spiega la donna -. Poi, venerdì 27 maggio mia suocera è passata dalla chiesa per sapere quante persone avrebbero potuto partecipare alla cerimonia. In segreteria le hanno detto che l’orario era stato spostato: dalle 15. 30 lo avevano anticipato al mattino, alle 11.30. Ma nessuno ci aveva avvisati di questo cambiamento”. Una notizia che ha messo la donna in difficoltà. Alcuni parenti avevano prenotato i mezzi di trasporto in base all’orario pomeridiano della cerimonia, stabilito nel mese di febbraio e poi rinviato a causa di un malore del padre della donna.

Don Maurizio Calzoni

Sacerdote irremobvibile

“Ho chiamato il sacerdote per chiedere se si poteva fare il battesimo più tardi, visto che la madrina di mio figlio sarebbe arrivata in aereo la mattina stessa. Purtroppo è stato irremovibile, senza un briciolo di comprensione né di gentilezza – sostiene la donna -. A detta sua le famiglie erano state avvisate, ma di certo con me non aveva parlato nessuno”. Fortunatamente la mamma è riuscita a trovare una soluzione. “Un sacerdote di un paese qui vicino, che fa il prete per passione e non per dovere, ha accettato di battezzare mio figlio il 12 giugno, al pomeriggio”, conclude. Abbiamo provato ripetutamente a contattare don Maurizio, per raccogliere anche la sua versione dei fatti, negli orari di apertura della segretaria parrocchiale, ma senza successo. Don Maurizio comunque non è nuovo alle polemiche. A far discutere, per esempio, la scelta di aver trasformato l’oratorio della Sacra Famiglia in un pollaio.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.