L’Asd Arluno Calcio 2010 è senza casa: ritardi e alcuni dissidi tra la squadra di calcio e il Comune.

21 DICEMBRE 2020

di Francesco Bagini

ARLUNO (MILANO) – L’Asd Arluno Calcio 2010 è senza casa. La società lo ha comunicato con un post polemico pubblicato sulla propria pagina Facebook. A causare lo ‘sfratto’ è stata la mancanza di strutture alternative durante i lavori al Campo Sportivo di via della Repubblica.

Calcio e lavori

L’opera di riqualificazione attraversa entrambe le legislature del sindaco Moreno Agolli, per un valore di circa un milione di euro. Quest’anno si è anche beneficiato di un bonus regionale di 500.000 euro. Inoltre la sospensione dei campionati, causata dal Coronavirus, ha fornito l’assist per proseguire il cantiere senza procurare noie a staff e giocatori, che sulla carta avrebbero comunque dovuto trasferirsi in ‘locali mobili’ all’interno dell’impianto. Ma quegli ambienti non sono mai arrivati, a causa del costo ritenuto eccessivo dall’amministrazione: attorno ai 270.000 euro. Ora la squadra non può preparare la ripartenza prevista per il 2021.

Il terreno di gioco del campo sportivo rossoblù

La società: “Una beffa”

In più, oltre al danno, “la beffa”, come la definisce il dirigente rossoblù Giuseppe Tavazzi: “Abbiamo saputo della rinuncia ai ‘locali mobili’ solo il 12 novembre. In compenso giovedì 3 dicembre ci hanno consegnato tre container dove poter stivare le attrezzature, intimandoci però di farlo entro lunedì 7, per dare via ai lavori: è stata una fatica enorme. Poi, il 7 dicembre, non si è visto nessun operaio“. Tavazzi e soci ora sono impegnati a ricercare strutture che possano accogliere la squadra fino a fine stagione. Un’operazione di cui il Comune si farà carico economicamente, ma non di facile soluzione considerate le limitazioni anti Covid-19.

I container dove sono state stivate le attrezzature al Campo sportivo di via della Repubblica

La versione del sindaco

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Interpellato sulla vicenda Agolli conferma la situazione e chiarisce la ‘falsa partenza’: “Stiamo valutando con altre amministrazioni una temporanea sinergia per un campo sportivo, che necessita di alcuni passaggi burocratici. Intanto nei giorni scorsi abbiamo assegnato all’Asd Arluno Calcio 2010 una stanza della palestra Aldo Moro come segreteria. Sulle tempistiche, è vero, ci sono stati degli intoppi. L’impresa dal 7 ha rinviato il via al 14 dicembre“. Alla critica di aver perso comunque tempo nel valutare spazi alternativi, Agolli replica: “Il preventivo per i ‘locali mobili’ è arrivato a stagione avviata e solo un’azienda ci ha fornito delle risposte“.

I COMMENTI