Il carroccio presenterà un’interpellanza il 15 dicembre, il sindaco: “non vogliamo una caserma”

di Samuele Laino

La Lega chiede più sicurezza a Canegrate e lo fa ponendo alcuni ‘diktat’. Martedì 15 dicembre nel consiglio comunale sarà infatti proposta un’interpellanza sul “contrasto alla criminalità” da parte del consigliere comunale di Nuova Canegrate, Christian Fornara, il quale tuona: “Vogliamo che si sveglino, basta guardarsi in giro per vedere che il paese messo peggio sulla sicurezza è Canegrate”. Secondo Fornara e i ‘suoi’, infatti, Canegrate risulterebbe poco sicura a causa dei recenti episodi di violenza e dei numerosi furti. Ma come agirebbe il consigliere di minoranza se fosse lui sindaco? “L’esempio è Parabiago: lì il sindaco (che guarda caso è proprio leghista, ndr) ha deciso di affiancare al tradizionale sistema di videosorveglianza, il controllo del vicinato. A San Vittore è stato lo stesso, e in più la polizia locale sta facendo pattugliamenti anche la sera. E’ un effetto deterrente, come accade con l’installazione delle telecamere. Di certo non si risolveranno in tempo zero tutti i problemi, ma almeno è già un piano d’azione”. L’opposizione quindi ha le idee ben chiare su cosa fare per migliorare e aumentare la sicurezza a Canegrate. Si legge nell’interpellanza che bisognerebbe “aumentare la sicurezza e la vivibilità del paese intensificando l’attività di controllo del territorio”. Entro 60 giorni il consigliere chiede alla giunta un “piano per sistema integrato della sicurezza urbana” ed entro 6 mesi l’installazione di videosorveglianza nelle zone critiche del paese e il potenziamento del servizio di pattugliamento della polizia municipale nei quartieri più insicuri. A Fornara però non è nemmeno andata giù la questione delle nuove assunzioni. Dichiara il consigliere: “Non capisco perché c’è l’assunzione del personale e assumono solo un vigile su 3 posti disponibili, quando ogni settimana viene segnalato un furto. Se ci fosse un sindaco serio avrebbe preso in mano la situazione da mesi”. Il primo cittadino Roberto Colombo replica: “Fornara non sa che stiamo già attuando un pattugliamento congiunto tra polizia locale e i carabinieri, assumeremo un vigile il prossimo anno e continueremo le iniziative per informare i più anziani. Loro vogliono giocare con la paura della gente, noi non vogliamo una caserma ma un paese libero e lo faremo con la cultura e l’informazione”.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.