Rissa per una ragazza nel cuore della notte. Due gruppi di ragazzini si picchiano di santa ragione davanti alla stazione ferroviaria. Il motivo scatenante: un complimento volgare rivolto alla giovane donna

di Attilio Mattioni

CANEGRATE (MILANO) – Forse è stato un complimento volgare, assieme a uno sguardo di troppo verso una bella ragazza. Fatto sta che si è scatenata una rissa tra due gruppi di ragazzini nella tarda serata di domenica 4 febbraio davanti alla stazione ferroviaria.

Rissa per una ragazza

Tutto è cominciato poco prima delle 23, quando 2 gruppi di giovanissimi (per un testimone erano tutti minorenni) si sono incontrati per caso. Poco dopo è scoppiata la rissa per una ragazza, oggetto di pesanti apprezzamenti. Un gruppo di una decina di ragazzi e ragazze proveniva dal centro del paese e l’altro era fermo nel parcheggio. Secondo il racconto di un anziano, che passava di lì per caso, alcuni componenti di uno dei due gruppi hanno cominciato a rivolgere apprezzamenti volgari alla giovane donna e a insultarsi reciprocamente.

Dagli insulti alle botte

Dagli insulti si è in breve passati alle minacce, fino a quando i due gruppi sono venuti a contatto. La rissa vera e propria ha coinvolto soltanto 6 giovanissimi, 3 per parte, tutti di nazionalità italiana: gli altri facevano da spettatori ma nessuno ha cercato di riportare la calma: al contrario quasi tutti incitavano i propri compagni a “picchiare più forte”.

La fuga

A evitare che la situazione degenerasse è stato un automobilista di passaggio, che ha notato la confusione e si è fermato a vedere cosa stesse succedendo. “Se non la smettete, chiamo i Carabinieri”. Tanto è bastato a far finire la rissa: i due gruppi si sono dati alla fuga, allontanandosi di corsa in direzioni opposte.