Secondo l’analisi di Cisl Lombardia, le rette delle case di riposo continuano ad aumentare: i rincari più alti a Inveruno, Villa Cortese, Bareggio e Turbigo

di Francesca Ceriani

ALTOMILANESE – Rette delle case di riposo sempre più care e una spesa a carico delle famiglie che, in dieci anni, è aumentata del 24%. Sono questi i dati che emergono dal report ‘Informa Rsa 2021’ redatto dall’Osservatorio della Federazione nazionale pensionati (Fnp) Cisl Lombardia.

Case di riposo: il 2020, un anno difficile

Quello preso in considerazione è, sembra quasi scontato dirlo, un anno particolare. Il 2020, segnato dalla pandemia da Coronavirus, è stato un anno difficilissimo per le case di riposo, soprattutto quelle lombarde. Dall’analisi si evince che le strutture in Lombardia sono mediamente costose (a Milano e provincia si trovano le rette più elevate) con lunghe liste d’attesa per ottenere un posto letto.

Le parole del segretario Cisl

“Lo scenario che abbiamo analizzato offre spunti di qualche preoccupazione – commenta il segretario generale, Emilio Didonè – Le rette e i servizi non sono omogenei di provincia in provincia. I posti letto con la compartecipazione pubblica della spesa sono diminuiti mentre sono aumentati i posti con rette a totale carico delle famiglie. Siamo di fronte a un quadro di offerta molto frammentato che non è in grado oggi di rispondere pienamente a una domanda di servizi in crescita continua”. Un dato preoccupante riguarda i dati Covid all’interno delle Rsa nel 2020. L’Osservatorio si è dovuto infatti scontrare con l’impossibilità di ottenere i numeri ufficiali dei contagiati e dei deceduti delle strutture lombarde.

I costi delle case di riposo in Lombardia

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Tornando ai costi, nell’Ats Milano, la retta minima costa in media 76,36 euro al giorno, mentre la massima arriva fino a 93,29 euro al giorno. Osservando i costi delle case di riposo sparse nell’Altomilanese, vediamo che i prezzi sono variegati. I costi più bassi, prendendo come riferimento la retta minima, sono quelli di Opera Pia Colleoni a Castano Primo e della Rsa Sant’Edoardo di Turbigo, dove le famiglie spendono quotidianamente circa 59 euro. Ottimi prezzi anche alla Rsa Sandro Pertini di Arluno, dove si pagano 64 euro al giorno, nelle due case per anziani di Busto Garolfo (61,32 e 62,14 euro al giorno), nell’Albergo del Nonno a Parabiago (60 euro) e nella Don Felice Cozzi di Corbetta (64,11 euro).

Le case di riposo più care

Le Rsa più care si trovano invece ad Abbiategrasso (90 euro per il Golgi-Redaelli), Bareggio (87,91 euro), Legnano, Parabiago (Rsa Leopardi con 89,50 euro) Inveruno e Villa Cortese. Senza contare poi che alcune case di riposo, lo scorso anno, hanno anche applicato degli aumenti significativi. Questo è successo per esempio a Bareggio, Inveruno, Settimo Milanese, Turbigo e Villa Cortese.

I COMMENTI