Giuseppina, ricoverata in casa di riposo, a 104 anni è guarita dal virus.

11 GENNAIO 2021

di Francesca Ceriani

CASTANO PRIMO (MILANO) – Giuseppina, 104 anni, ha sconfitto il Coronavirus. La storia arriva da Castano Primo, nel Milanese.

Sconfigge il Covid a 104 anni

A raccontare questa incredibile storia di speranza e di forza è il sindaco di Castano Primo, Giuseppe Pignatiello. “Lei è Giuseppina, classe 1916. Lei è il segno della speranza, anzi, della certezza di quel ritorno alla normalità che tutti vogliamo con forza. Lei di forza ce ne ha messa sicuramente tanta. Tutta. Forza, tenacia, caparbietà, impegno, passione, voglia di vivere. Questi sono i sentimenti che ha fatto completamente suoi, per sconfiggere il demone di un virus che ci ha dato troppo dolore”.

La gioia di riabbracciare le figlie

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Nel mese di novembre, Giuseppina, a 104 anni è risultata positiva al secondo tampone. “Figlie e nipoti erano naturalmente molto preoccupati – continua il primo cittadino – Ma dopo circa un mese ne è uscita, con la grinta leggera di chi nella vita ne ha viste davvero tante e grazie alle cure del Dottor Bianchi e di tutta la casa di riposo ‘Colleoni’ di Castano Primo. E proprio qualche giorno fa, il 5 gennaio 2021, ha finalmente incontrato le due amate figlie Carla e Maria Antonietta nella Sala degli Abbracci. Un attimo intenso e lungo come un’eternità, un istante in cui è stato un po’ come rinascere”.

Il ringraziamento del sindaco

Un vero esempio di forza, quello di Giuseppina, che il sindaco Pignatiello ha ringraziato pubblicamente questa mattina con un post sulla sua pagina Facebook. “Grazie Signora Giuseppina, con i tuoi 104 anni e con la tua storia hai regalato un motivo in più a tutti noi per sognare e per credere che questo incubo finirà. E facendo nostra la tua tenacia, finirà presto”.

I COMMENTI