SCONTRO • L’AMMINISTRAZIONE VUOLE APRIRLA NELLA ZONA NORD DELLA CITTà, L’EX VICESINDACO è CONTRARIO

Terza farmacia in paese: si infiamma il dibattito. Durante il consiglio comunale si è assistito a uno scontro tra il sindaco, Giuseppe Pignatiello e il consigliere di opposizione Roberto Colombo. Dei 20 punti dell’ordine del giorno, il punto nove riguardava il piano di realizzazione mobiliare. Come illustrato, nel piano è compresa solo la ex caserma di corso San Rocco dato che non si procederà più alla vendita del magazzino di piazza San Zenone. Il sindaco ha affermato: “Il magazzino è già in uso all’amministrazione come sede distaccata del Comune e inoltre si ha l’intenzione eventuale di farlo diventare la terza farmacia del paese”. Il consigliere Colombo è insorto contro la decisione contestando il sindaco: “Che sia difficile la vendita di quel bene è una considerazione personale, il magazzino ha un alto costo di gestione. Mi domande se è possibile dare una farmacia comunale in gestione e soprattutto quanto costa. Se si vuole evitare una terza apertura in centro in piazza, vi sono già leggi che vietano un negozio concorrente a meno di 200 metri di distanza. E’ un’iniziativa di difficile attuazione, sarebbe sufficiente una navetta dalla periferia alla piazza Mazzini”. Il sindaco ha replicato facendo rilevare alcune contraddizioni: “La farmacia potrebbe venire aperta anche in piazza Mercato ma si vuole rivitalizzare la zona nord del paese e sono già stati effettuati studi in proposito. Nel 2012 la precedente amministrazione aveva già fatto richiesta per una farmacia privata in Via Kennedy ma non vi aveva dato seguito e la medesima amministrazione aveva detto che vi era richiesta per una scuola materna statale (ma aveva optato per l’accordo in programma con l’Ente morale parrocchiale per l’ampliamento di Via Diaz) La farmacia quindi, se ci saranno le condizioni, verrà aperta”.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.