L’uomo, fermato a bordo di un’auto a Cassinetta di Lugagnano (nel Milanese), deteneva 1,3 chili di droga

10 APRILE 2020

di Francesca Ceriani

CASSINETTA DI LUGAGNANO (MILANO) – Nonostante la maggior parte dei cittadini rispetti le misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, diverse sono le violazioni, anche penali, riscontrate anche nel nostro territorio. I militari della Guardia di Finanza di Magenta hanno arrestato un sessantenne: a bordo della sua auto sono stati trovati 1,3 chili di droga.

La tentata fuga

Il soggetto, che viaggiava a bordo della propria auto nel Comune di Cassinetta di Lugagnano unitamente a un altro individuo, insospettiva i finanzieri che gli segnalavano di fermarsi per controllarlo. A tale intimazione l’uomo ha accelerato cercando in modo spericolato di darsi alla fuga e di disfarsi, gettandoli dal finestrino, di tre involucri (contenenti due panetti di hashish per un totale di circa un chilo e quasi tre etti di cocaina), che però sono stati subito recuperati dai militari. Il veicolo è stato raggiunto e il guidatore è stato immediatamente bloccato e arrestato, mentre sono in corso ulteriori accertamenti per individuare il secondo soggetto che si è dileguato a piedi nelle campagne limitrofe.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. In questo periodo però le aziende sono chiuse e la pubblicità si è molto ridotta. Nel mese di marzo avete visitato il nostro sito e letto i nostri articoli 500.190 volte! Noi continuiamo a offrirvi la stessa informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

L’arresto

Il sessantenne, condotto agli arresti domiciliari, è stato processato per direttissima con la nuova procedura videocollegata, dall’Autorità Giudiziaria di Pavia ed è stato condannato a 2 anni e 9 mesi di reclusione. Gli si contesta anche l’inosservanza degli obblighi imposti sulla mobilità delle persone, previsti dalle disposizioni emergenziali.

Un altro caso a Cisliano

Oltre al caso esposto, nel corso dei controlli degli ultimi giorni sul movimento delle persone in base alle disposizioni di contenimento del Coronavirus, i finanzieri di Magenta hanno sequestrato per contrabbando un’autovettura di lusso di grossa cilindrata nei confronti di un soggetto di Cisliano, il quale, seppur residente in Italia, circolava con il mezzo con targa ticinese senza alcun tipo di autorizzazione doganale.

APPROFONDIMENTI

Coronavirus, multe al furbetto del bancomat e al passeggiatore abusivo

Ha il virus ma non lo dice: scoppia il caso nel condominio

I COMMENTI