Ivo Colombo, medico di famiglia da 34 anni, racconta i 4 mesi drammatici dell’emergenza sanitaria: “Abbiamo lavorato spesso senza protezioni, senza possibilità di fare diagnosi e senza strumenti. Ci siamo sentiti scollati dal sistema sanitario nazionale”

22 GIUGNO 2020

di Francesca Ceriani

ALTOMILANESE – Ivo Colombo è un medico di famiglia. Vive a Boffalora sopra Ticino (nel Milanese) e qui lavora da 34 anni. Nel 2019 è stato anche candidato sindaco e oggi è capogruppo d’opposizione. In quest’intervista racconta la sua esperienza durante i mesi dell’emergenza Coronavirus.

Dottor Colombo, quali sono stati i problemi principali che ha dovuto affrontare?

“Il vero problema è che noi medici di base ci siamo sentiti soli. Abbiamo affrontato il Covid-19, questa tremendo virus, a mani nude. Spesso senza dispositivi di protezione, senza avere la possibilità di fare diagnosi, senza strumenti diagnostici e senza avere una terapia. Ci siamo sentiti scollati dal sistema sanitario nazionale”.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. In questo periodo però le aziende sono chiuse e la pubblicità si è molto ridotta. Nel mese di marzo avete visitato il nostro sito e letto i nostri articoli 500.190 volte! Noi continuiamo a offrirvi la stessa informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Su 1.500 mutuati, quanti pazienti ha assistito per il virus?

“Ho fatto ricoverare un paziente che poi ha avuto delle complicanze, due sono guariti grazie alle cure ospedaliere e poi ho registrato un certo numero di persone probabilmente affette, ma senza sintomi, che ho sottoposto all’isolamento”.

I suoi pazienti avevano paura?

“Sì, soprattutto nella prima fase ne avevano molta. Ho cercato di tranquillizzarli e ho sin da subito preteso che venissero in ambulatorio indossando le mascherine”.

Lei ha avuto paura?

“Paura no, timore sì. Soprattutto di contagiare i miei familiari. Abbiamo preso precauzioni e adottato le distanze di sicurezza anche in casa. Temevo di infettarli, ma per fortuna sono sempre stato bene”.

Vuole rivolgere un pensiero ai tanti medici deceduti a causa del virus?

“Da quelle storie traspare la vera vocazione del medico. Ammiro chi, arrivando anche al sacrificio, non si è tirato indietro di fronte alla malattia per il bene dei propri pazienti, portando avanti la propria missione. Ora il nostro compito è fare il possibile affinché non si verifichi una seconda ondata”.      

I COMMENTI