Il sindaco di Dairago, Paola Rolfi, diffonde una nota ufficiale per comunicare che un residente in paese è affetto da Coronavirus: “La paura è un sentimento naturale, ma invito tutti a non farsi prendere dal panico”

4 MARZO 2020

di Redazione

DAIRAGO (MILANO) – “Care cittadine e cari cittadini, Ats mi ha comunicato la positività di un nostro concittadino al tampone COVID-19 (Coronavirus) ed ha già attivato tutti i protocolli previsti”, comincia così la nota del sindaco di Dairago, Paola Rolfi, che annuncia il primo caso di contagio in paese.

L’appello del sindaco

“Comprendo tutte le preoccupazioni, la paura è un sentimento naturale, ma va razionalizzata, non alimentata. Altrimenti si perde la cognizione di sé e delle cose. Il mio primo pensiero – prosegue il sindaco Rolfi – va a questa persona e ai suoi cari. A loro va la nostra vicinanza e soprattutto il nostro rispetto. Facciamogli vivere tutti insieme, questo delicato momento con la dovuta tranquillità”.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

“Niente panico”

“Avremmo preferito – conclude il primo cittadino – che nessuna persona della nostra comunità fosse toccata dal contagio, ma sono sicura che tutti noi sapremo affrontare con senso di responsabilità, senza farci travolgere da timori irrazionali. Le autorità sanitarie sono impegnate in tutta la Lombardia e in Italia da settimane a fronteggiare la diffusione del Coronavirus. Stanno facendo un grande lavoro, siamo tra le grandi eccellenze sanitarie al mondo. Approfitto per ringraziare tutto il personale sanitario, i medici di base della nostra comunità e i nostri dipendenti comunali, che giornalmente assicurano i servizi alla collettività senza riduzione di orario, garantendo l’efficienza. Noi sindaci facciamo tutto quanto le autorità governative, regionali e sanitarie ci indicano. Lo facciamo e continueremo a farlo”.

APPROFONDIMENTI

I COMMENTI