Questa mattina alle 8.45 i dipendenti della filiale della ‘Banca di Legnano’ di Abbiategrasso, nel Milanese, hanno ricevuto una telefonata minatoria: una bomba sarebbe stata collocata all’interno dell’istituto di credito e sarebbe esplosa in pochi minuti. Ma era uno scherzo, di cattivo gusto

30 AGOSTO 2016

di Redazione

ABBIATEGRASSO (MILANO) – Questa mattina alle 8.45 i dipendenti della filiale della ‘Banca di Legnano’ di Abbiategrasso, nel Milanese, hanno ricevuto una telefonata minatoria: una bomba sarebbe stata collocata all’interno dell’istituto di credito e sarebbe esplosa in pochi minuti. Il direttore della filiale ha mantenuto il sangue freddo, avvisando immediatamente i Carabinieri. Sul posto, nel giro di pochi minuti, sono arrivati i militari della locale Compagnia, che hanno chiuso al traffico le strade attorno alla banca, che ha sede al civico 2 di via Nazario Sauro.

Nel frattempo è stato evacuato il personale e sono cominciate le operazioni di bonifica, che si sono protratte per circa un’ora. I controlli hanno dato esito negativo e alle 10,15 le strade sono state riaperte, mentre gli impiegati della banco hanno ripreso il lavoro. La bomba era il solito scherzo di qualche buontempone.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.