Follia collettiva anche a Corbetta, nel Milanese, per le scarpe del discount Lidl

23 NOVEMBRE 2020

di Ersilio Mattioni

CORBETTA (MILANO) – La follia collettiva scatenata dalle scarpe del supermercato tedesco Lidl ha colpito anche a Corbetta. Nella cittadina del Milanese la scorsa settimana le scarpe, in vendita a 12,99 euro, sono letteralmente andate a ruba.

Le scarpe Lidl

“Tre discount a 200 metri uno dall’altro, divisi da una rotonda che segna il confine tra Corbetta e Magenta. Tre piazzali a disposizione. Vuoto Eurospin, vuoto Aldi. Alle 7.55, ora del mio arrivo, Lidl era stracolma di auto posteggiate, pensionati accalcati davanti all’entrata dotati di telefonino acceso. In ascolto nipoti e parenti vari pronti a dare indicazioni.”. Comincia così il racconto – spassoso e insieme tragico – di Mario Sassi, manager disincantato della Grande distribuzione. Il tema è noto: le scarpe della ‘Lidl’ che hanno fatto impazzire l’Italia.

Il racconto

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

“Davanti alla fila, quattro energumeni fuori taglia. Nessun distanziamento. L’agognato obiettivo era nel punto più distante dall’entrata. All’apertura i quattro, non sapendo esattamente dove erano le scarpe, si sono lanciati ciascuno per ogni corsia consentendo così ai pensionati abitué del posto e dell’ora di giocare la loro partita in nome e per conto dei rispettivi nipoti. Lucidità ed esperienza contro forza bruta”. Ma cosa spinge, in tempo di pandemia, nonni e zii, mamme e papà, sciacalli e miserabili a mettersi in coda per ore per acquistare scarpe che, solo a indossarle, bisognerebbe provare vergogna? Non c’è una spiegazione: è, semplicemente, “il tramonto dell’Occidente”, annunciato da Oswald Spengler 102 anni fa. E’ la fine di una razza, quella degli umani, che senza dubbio alcuno si è meritata l’estinzione.

I COMMENTI