A Dairago, nel Milanese, si svolge un evento sportivo di domenica. E il parroco invita i fedeli a dare la precedenza a Gesù: la messa viene prima dello sport

di Lorenzo Rotella

DAIRAGO (MILANO) – “Mentre auguriamo ai partecipanti e agli organizzatori una buona riuscita della corsa, ricordiamo che il cristiano mette al centro della domenica l’incontro con Gesù nella Messa”. E’ con questa provocazione che don Giuseppe Alloisio, sul giornalino parrocchiale ‘La Domenica’, invita tutti i fedeli che vorranno partecipare alla ‘Dairago Spring Run’, una corsa podistica non competitiva di 5 e 10 chilometri che si svolgerà alle ore 10 di domenica 8 aprile, a non dedicarsi unicamente allo sport.

cronaca dairago parroco fedeli gesu sportPrecedenza alla Chiesa sempre e comunque

E’ importante, secondo il parroco, dare precedenza alla Chiesa anche quando si parla di sport. Il trafiletto che compare sul periodico settimanale, infatti, prosegue: “Potete venire alla Messa del sabato sera ore 18, oppure domenica alle 8.30, prima della gara (magari in divisa già pronti per la corsa), oppure domenica sera alle 18: chi corre con Gesù fa la corsa più bella, anche se non arriva primo”.

L’indignazione dei fedeli

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Ma non tutti i dairaghesi sembrano aver colto il messaggio bonario di don Giuseppe. Alcuni, infatti, commentano in maniera molto acida, come una giovane dairaghese: “Poteva risparmiarsi questa uscita. Chi va a messa lo fa anche se non glielo si ricorda, chi non viene non lo farebbe comunque. Non capisco questa necessità di mettere lo zampino anche in un evento sportivo del genere”.

Il precedente del parroco: la rassegna cinematografica horror

Certo è che il parroco di Dairago non è nuovo a provocazioni di questo tipo. Lo scorso luglio, in seguito a una rassegna cinematografica all’aperto, svoltasi in via Toti tutti i martedì del mese e dedicata al genere horror, don Giuseppe Alloisio aveva commentato aspramente la scelta dell’amministrazione comunale, ritenendo l’evento “utile solo a riunire gente rasta” e additando lo slogan della locandina – ‘Porta una coperta per stenderti sotto le stelle e qualcuno con cui condividerla!’ – come un invito a fumare erba in compagnia. Per la ‘Dairago Spring Run’, però, i toni sono più moderati: i fedeli vengono sollecitati a non ignorare la parola di Dio tra sabato e domenica.