Due marocchini residenti a Busto Arsizio (nel Varesotto) rubano all’ecocentro di Magenta (nel Milanese). Nella fuga forzano un posto di blocco dei Carabinieri: arrestati e condannati, non finiranno in carcere

25 AGOSTO 2017

di Redazione

MAGENTA (MILANO) – Ieri sera due cittadini di origine marocchina, regolarmente residenti in Italia, a Busto Arsizio (Varese), sono stati fermati per un controllo dai dai carabinieri del Nucleo Radiomobile a Magenta, nel Milanese. I due uomini – rispettivamente di 22 e 32 anni – stavano guidando un furgone bianco in direzione Robecco sul Naviglio. Hanno ignorato l’alt dei Carabinieri, cercando di fuggire. Ma poco dopo sono stati bloccati dai militari, che nel furgone hanno trovato materiale rubato poco prima all’ecocentro di Magenta. Qui i malviventi si erano introdotti rompendo la recinzione per trafugare vecchie televisioni, motori di frigoriferi, batterie per auto e ferri da stiro. I due marocchini, entrambi pregiudicati, sono stati processati stamattina a Milano per direttissima e condannati all’obbligo di firma e di dimora. Sono entrambi residenti a Busto Arsizio, entro i cui confini dovranno restare per un anno.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.