Cronaca – Caccia al maniaco della stazione, ma nessuno lo denuncia

E’ ancora a piede libero ‘il maniaco della stazione’, anche perché nessuna denuncia contro di lui è stata presentata, rendendo di fatto impossibili le indagini. Ultimo avvistamento sotto Natale a Magenta, quando due ragazze di 22 anni sono state importunate dall’uomo – italiano, sui 50 anni – che le ha avvicinate con una scusa per poi slacciarsi i pantaloni e mostrare i genitali. La caccia all’uomo, finora, non ha dato risultati

3 GENNAIO 2016

di Martina Salasso

MAGENTA (MILANO) – Lo chiamano ‘il maniaco della stazione’. Questa volta, a farne le spese, sono due ragazze di 22 anni che segnalano l’ennesimo episodio di molestie. Intanto la caccia all’uomo, finora, non ha dato risultati.

I fatti

Le ragazze, sotto Natale, si sono recate presso la stazione di Magenta, intorno le 7.30, per prendere il treno proveniente da Torino al fine di raggiungere l’università a Milano. E’ in quel momento che un uomo, italiano di circa 50 anni, avrebbe avvicinato le due giovani con una scusa – si pensa per chiedere loro una sigaretta – dopodiché avrebbe iniziato a toccarsi le parti intime, slacciandosi la cintura e mostrando i genitali alle ragazze. Immediata la reazione delle due giovani, che sono scappate minacciando di segnalare tutto alle autorità.

L’allarme

Per fortuna tutto si è risolto per il meglio, con tanto spavento da parte delle ragazze e indifferenza dal molestatore, che si è allontanato dalla stazione come se nulla fosse avvenuto. Non è la prima volta che certi episodi finiscono agli onori della cronaca tra le pagine dei giornali locali, come la vicenda di circa 2 mesi fa, che vide protagoniste le alunne delle scuole medie di Mesero, prese di mira da un uomo che ripetutamente attendeva la fine delle lezioni per presentarsi all’uscita della scuola e masturbarsi di fronte alle studentesse. Tuttavia, è proprio la frequenza con cui avvengono questi fatti a mettere in allarme le famiglie del Magentino, come dichiara una mamma: “Dobbiamo ingaggiare una guardia del corpo per tutelare le nostre figlie?”

Nessuna denuncia

Le forze dell’ordine, che informano di avvisare e segnalare loro qualsiasi episodio o fatto ‘sospetto’ di modo da poter individuare e catturare il maniaco, non possono però svolgere le indagini, perché le ragazze importunate dal manico hanno soltanto minacciato l’uomo di denunciarlo, ma poi non si sono presentate né presso la locale stazione dei Carabinieri né presso il comando di polizia locale. Indagare, in queste condizioni, è assai difficile.