L’uomo è stato beccato dai Carabinieri durante un controllo per il Coronavirus.

3 MAGGIO 2020

di Attilio Mattioni

MAGENTA-MARCALLO (MILANO) – Ruba una patente a Magenta nello scorso mese di agosto e viene beccato ‘grazie’ al Coronavirus: denunciato.

Posto di blocco

I Carabinieri di Vigevano, nel tardo pomeriggio di domenica scorsa, 26 aprile, hanno istituito un posto di blocco in Lomellina e hanno fermato un cittadino egiziano di 63 anni, da tempo residente a Marcallo con Casone, nel Milanese. Ai militari che gli hanno chiesto cosa ci facesse in giro, l’uomo ha consegnato l’autocertificazione, ma a tradirlo è stata la patente di guida.

Patente rubata

Il documento, a un controllo effettuato via computer dai Carabinieri, è risultato essere stato rubato a un pensionato di 76 anni di Magenta; l’uomo aveva presentato regolare denuncia di furto o smarrimento lo scorso 19 agosto. Il cittadino egiziano, disoccupato con precedenti penali e di polizia, non ha saputo fornire spiegazioni convincenti sul perché fosse in possesso di un documento non suo.

La denuncia

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Resta anche da capire per quale motivo il 63enne abbia mostrato ai Carabinieri una patente falsa, con generalità che, con tutta evidenza, non potevano essere le sue. Quello che è certo, è che l’uomo dovrà fornire spiegazioni davanti a un giudice: i militari lo hanno infatti denunciato a piede libero per il reato di ricettazione aggravata.

I COMMENTI