Dairaghese vittima del classico furto con destrezza. Era a cena con tre amici, quando i ladri sono entrati in azione. Lui non si è accorto di nulla. La Polizia sì e i malviventi sono stati arrestati

di Attilio Mattioni

DAIRAGO (MILANO) – Brutta avventura ma fortunatamente a lieto fine per un dairaghese che sabato scorso, 3 febbraio, era a cena con 2 amici in un ristorante di Milano. E che è rimasto vittima del classico furto con destrezza.

Furto con destrezza

In un tavolo proprio dietro il loro, era seduto un terzetto di cittadini cubani, due uomini e una donna: uno dei due maschi, spostando piano piano la propria sedia, si è posizionato proprio a ridosso della giacca che il dairaghese aveva poggiato allo schienale. Con mossa veloce, il 32enne cubano ha allungato la mano, infilandola nella giacca e impossessandosi di una carta bancomat e di uno smartphone prima di fare un segno veloce d’intesa agli altri 3 connazionali e uscire dal locale.

Beccati dalla Polizia

I 3 cubani non avevano però fatto i conti con una pattuglia della Polizia di Stato che era in servizio per il contrasto ai reati predatori e che poco prima avevano notato i tre che, con fare sospetto, guardavano con attenzione e seguivano le persone intente a fare shopping e a cenare lungo corso di Porta Ticinese: la donna e il 32enne camminavano a fianco mantenendosi in contatto wireless con il 46enne che li precedeva di qualche metro. I poliziotti li hanno poi visti entrare nel ristorante e hanno assistito in diretta al furto con destrezza, compiuto ai danni del dairaghese.

L’arresto

Appena usciti dal locale, sono così scattate le manette ai polsi per tutti: 2 uomini di 32 e 46 anni e una donna di 25 anni, in Italia senza fissa dimora. Tutti con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e per furto aggravato in concorso. Il bancomat e il telefonino sono stati restituiti al dairaghese, che non si era accorto di nulla.