La protesta di un cittadino: “Non posso usare la seconda casa, quindi non pago l’Imu”.

16 GENNAIO 2021

di Redazione

DAIRAGO (MILANO) – Vista l’istituzione della nuova zona rossa per la Lombardia, con conseguente divieto di raggiungere le seconde case, un cittadino di Dairago (nel Milanese) decide di ribellarsi: “Non pagherò l’Imu”.

La protesta

Un cittadino di Dairago, D.B.A., ha scritto alla nostra redazione per informarci della sua protesta. “Visto il Dpcm emanato ieri , con restrizioni discutibili relative allo spostamento tra le Regioni, non so se da Dairago potrò raggiungere la mia seconda casa, di proprietà, in Valle d’Aosta. Questo almeno fino  alla seconda metà di febbraio, termine di scadenza del Dpcm. Non potendo usufruire dei servizi del Comune in cui si trova la mia seconda casa, nemmeno questo mese e il prossimo, non intendo pagare il corrispettivo Imu di gennaio e febbraio 2021”.

I motivi

“Non è una questione di costi”, spiega D.B.A.. Per il dairaghese, infatti, si tratta di “una protesta nei confronti di restrizioni incomprensibili e che nulla hanno a che fare con la prevenzione dai contagi, visto che quello che è consentito fare nella mia residenza lo potrei fare anche nella mia seconda casa. Inoltre passerei da un Comune con densità abitativa di 1300ab/km2, ad un Comune con densità di 13abkm2, riducendo così i rischi connessi a possibili contagi. Sicuramente le restrizioni non sono imposte dal Comune in cui si trova la seconda casa, che in tal caso risulta parte passiva delle decisioni governative,  ma nemmeno dal sottoscritto, che risulta parte offesa”.

Dubbi sul Dpcm

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Infine il dairaghese avverte: “Sto cercando di creare un gruppo sui principali social network per estendere la mia protesta, in modo da far decadere la restrizione sul raggiungimento delle seconde case ce si trovino fuori Regione”. I dubbi sul nuovo Dpcm sono parecchi: a differenza di quelli precedenti, infatti, nell’ultimo approvato dal Governo il divieto sullo spostamento verso le seconde case non è ben specificato (come invece avveniva nei testi dei mesi scorsi). Questo creerà ancora più confusione.

I COMMENTI