Sondaggi – Pd avanti nella Città della Battaglia, ma sarà ballottaggio

A giudicare dai numeri, a Magenta, dove si vota il prossimo 11 giugno, non c’è gara: il Pd e i suoi alleati sono saldamente in testa, mentre la crisi di Forza Italia trascina il centrodestra al minimo storico. Il Movimento 5 Stelle sogna il ballottaggio

23 APRILE 2017

di Redazione

MAGENTA (MILANO) – Il dato più eclatante è quello di Forza Italia, crollata al 4%. Gli ‘azzurri’ – primo partito in città per 15 anni – non si vedono e non si sentono. Stanno comunque lavorando alla lista e, di sicuro, questo porterà a una risalita nei sondaggi. Se lo augura Chiara Calati, candidato sindaco del centrodestra unito, il cui risultato dipende molto dalla tenuta del partito berlusconiano.

magenta sondaggio elezioni comunali 2017

(CLICCA SUL SONDAGGIO PER INGRANDIRE)

Pd in vantaggio

Il sindaco uscente Marco Invernizzi, per ora, dorme sonni tranquilli. E’ accreditato di un eccellente 38%, con il ‘suo’ Pd in forma smagliante (28%) e con le due civiche che lo appoggiano in ottime condizioni di salute: 7% la lista del sindaco e 5% la nuova formazione creata dall’assessore uscente Marzia Bastianello e dall’ex candidato sindaco del 2012 Sergio Prato. La nuova lista punta a intercettare i mondi dei diritti civili e dell’inclusione sociale, finora non rappresentati.

Delusione a sinistra

Delude ‘Assieme Ripartiamo’, la lista di sinistra che candida a sindaco lo psicologo Giuseppe Rescaldina. Il risultato, in sé, non è da buttare, ma i protagonisti di questo nuovo soggetto politico (che raggruppa Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani e civismo) avevano ben altre aspettative, non certo il 6%.

Il sogno dei ‘grillini’

Il Movimento 5 Stelle, che paga lo scotto per una lista un po’ improvvisata e politicamente ‘leggera’, veleggia attorno al 21,5%. Il che è inferiore al primo rilevamento, ma resta un risultato decisamente buono. Che consente ai ‘grillini’ e al candidato sindaco Giovanni Caso di credere nel ballottaggio.

Civiche in spolvero

L’8% di ‘Progetto Magenta’, lista civica con Silvia Minardi candidato sindaco, è decisamente buono. Per due ragioni. La prima è che la formazione non vanta l’appoggio di nessun partito. La seconda è che il dato sembra in crescita. In generale, le civiche vanno bene. Segno che i partiti politici non sono più in grado di attrarre un elettorato sempre più fluido.

Perplessità nella Lega Nord

Il Carroccio, in terra magentina, è stato di fatto l’unico soggetto a svolgere l’opposizione alla giunta Invernizzi. Ora però, nonostante il 13%, rischia di vedere vanificati i propri sforzi a causa della debolezza della coalizione. E qualcuno comincia a chiedersi se, questa alleanza, era poi così necessaria.

Ballottaggio e alleanze

I giochi sembrano definiti, con Invernizzi in testa al primo turno e con lo sfidante da decidere tra Calati e Caso. Al ballottaggio si potrebbe raccontare un’altra partita. Se fosse il Movimento 5 Stelle ad andare al secondo turno, per esempio, i ‘grillini’ incasserebbero i voti di centrodestra in funzione anti Pd. E allora potrebbero vincere. Se invece fosse il centrodestra a arrivare secondo, sarà strategico il gioco delle alleanze, soprattutto con ‘Progetto Magenta’.