Magenta, fa la pipì in Galleria: una foto lo immortala

Ha fatto la pipì in Galleria, nel centro storico di Magenta. Una foto lo ha immortalato ed è scoppiata la polemica. Qualcuno però ha fatto notare: “Se ci fossero ancora i bagni pubblici…”

di Redazione

MAGENTA (MILANO) – Una foto immortala l’eroico gesto di un magentino che, assalito dal bisogno impellente di fare pipì, non ha trovato un posto migliore della Galleria, nel cuore del centro storico. L’immagine è stata resa pubblica sul gruppo Facebook di Camilla Giocondi: Sei di Magenta Se. Ed è partito un coro di indignazione generale: “Che vergogna”, “Invece di fare foto, prendetelo a calci”, “Questo è il futuro dell’Italia”, “Merita una bella multa” e via dicendo.

Fa la pipì in piazza

Ma qualcuno ha pensato bene di giustificare il cittadino, riducendo il suo gesto a una cosa tutto sommato normale. Questo qualcuno è un consigliere comunale della lista civica ‘Luca Del Gobbo Sindaco di tutti’, ovvero Rocco Morabito: “Magari – ha spiegato il politico di centrodestra – non riusciva più a tenerla e non sapeva che fare”. E quindi, vai pure con una bella pisciata sulla pubblica piazza. Massì, che vuoi che sia? In fondo, ha solo fatto la pipì.

Bagni pubblici

Qualcun’altro invece ha posto il problema da un punto di vista diverso, con un commento che in effetti fa riflettere: “Se ci fossero i bagni pubblici…” Ecco, il punto sembra essere proprio questo. I servizi igienici sono spariti dalle città e un cittadino che ne ha bisogno deve per forza entrare in un bar, consumare qualcosa e chiedere di andare ai servizi. I bagni pubblici gratuiti, invece, sono stati per anni un segno distintivo del livello di una civiltà. Poi all’improvviso sono spariti, un po’ come le cabine telefoniche. Con una differenza: oggi chiamare è semplice, perché un telefono cellulare ce l‘hanno tutti. Mentre appare più difficile portarsi un bagno da casa.