Fondazione Ticino Olona finanzia cultura e sociale: decine di progetti pilota in tutto il territorio

La Fondazione Ticino Olona svolge un ruolo fondamentale nella promozione di attività per giovani e anziani. Nel 2024 ha finanziato progetti per 390.000 euro: oratori e centri estivi, fragilità e marginalità sociale, attività culturali e ambiente

di Maria Teresa Maggiolini

LEGNANO (MILANO) – La Fondazione Comunitaria Ticino Olona, che ha sede a Legnano, è diventata sempre più un presidio capace di leggere i bisogni del suo territorio per poter selezionare i migliori interventi diretti al ‘benessere’ integrale delle persone.

I progetti di Fondazione Ticino Olona

Nel 2024 ha finanziato progetti per complessivi 390.000 euro: 60.000 euro per oratori e centri estivi, 150.000 euro per progetti a favore delle fragilità e marginalità sociale, 160.000 euro destinati alle attività culturali e artistiche e 20.000 euro per l’ambiente. Queste le cifre che illustrano al meglio l’attività concentrata su 95 progetti che rendono un po’ più facile il lavoro a tanti enti e associazioni che si dedicano alla vita degli altri.

Le origini

La Fondazione comunitaria Ticino Olona, presieduta dal 2016 dal professor Salvatore Forte (in foto insieme al Consiglio di amministrazione) è un’istituzione privata che si origina dalla Cariplo, più nota, almeno per i lettori meno giovani, come Cassa di Risparmio delle Province Lombarde, che dal 2000 è divenuta oggi il grande gruppo conosciuto come Banca Intesa. Trasformata in fondazione senza scopo di lucro ha creato sul territorio lombardo tante fondazioni comunitarie (16), tra cui Ticino Olona, che qui agisce per capire a fondo i bisogni della popolazione nelle sue sfaccettature, dal sociale al culturale, dai giovani agli anziani, alle persone fragili o emarginate.

I finanziamenti

Se la sigla della Fondazione comunitaria Ticino Olona non è ancora molto conosciuta al grande pubblico sta però cominciando ad essere molto nota nel settore delle associazioni volontaristiche senza scopo di lucro: è infatti ai loro progetti che la Fondazione destina i finanziamenti. L’elenco dei finanziamenti ad associazioni ed enti no profit sul nostro territorio è davvero lunghissimo e ci limitiamo a citare i più importanti.

Nei nostri comuni

Ad Arconate l’associazione ‘Creamusica’ (5500 euro) e oratorio (3200 euro); ad Arluno il progetto aiuto autismo alla cascina Poglianasca (6900 euro) e il progetto teatro per ragazzi (6200 euro); a Busto Garolfo i campi estivi (3200 euro), la Pet therapy (3100 euro) e iniziativa ‘La banda’ per adolescenti (5100 euro); a Buscate i progetti della cooperativa ‘Albatros’ (3600 euro). C’è poi una serie di contributi di 3000 euro ciascuno ai progetti degli oratori di Vanzaghello Castano, Dairago, Turbigo, Cerello, Corbetta, Parabiago e Magenta.

Il teatro e le scuole

Per il teatro nel territorio Fondazione Ticino Olona ha versato 5800 euro al Teatro dei navigli (Magenta e Abbiategrasso), 5000 al teatro di Castano Primo, 6500 all’iniziativa del teatro per ragazzi che coinvolge i comuni da Arluno, Bernate, Buscate, Marcallo e Inveruno. Nel settore dell’ambiente, importanti i finanziamenti ai progetti della scuola materna di Dairago (4000 euro), dell’associazione ‘Energia’ di Castano Primo (3000 euro) e dell’Ecoistituto di Cuggiono (5000 euro).

Il sociale

Infine molti importanti anche gli stanziamenti in ambito sociale, che finanziano progetti di sostengo alle persone e alle situazioni di fragilità e problematicità, dagli adolescenti agli anziani: le ‘Stelle della terra’ di Robecco sul Naviglio (2400 euro), ‘Fratelli tutti’ di Magnago (5800 euro); l’associazione ‘L’oro’ di Marcallo (7500 euro); l’associazione ‘La quercia’ di Corbetta (5800 euro). L’invito è ad avvicinare di più e meglio questa realtà che vive di donazioni materiali e immateriali, spirito di solidarietà e condivisione. Informazioni più dettagliate sui progetti finanziati e sulle altre iniziative della Fondazione Comunitaria Ticino Olona sono disponibili sul sito www.fondazioneticinoolona.it.