Erano stati annuncianti dei fuochi d’artificio silenziosi: polemiche alle festa di Bernate Ticino

di Deborah Ali

BERNATE TICINO (MILANO) – La festa del paese di Bernate Ticino ha scatenatole polemiche dei cittadini e dei consiglieri di minoranza. Lo spettacolo pirotecnico che è stato proposto, durante lo scorso fine settimana, ha accesso numerose proteste. In tanti non hanno gradito il rumore prodotto dai fuochi d’artificio, visto anche che sul volantino l’amministrazione comunale aveva fatto scrivere “spettacolo pirotecnico ‘silenzioso’ (nel rispetto dei nostri amici a 4 zampe)”. A non gradire la sorpresa del rumore sono stati tanti cittadini che si sono scatenati con proteste sui social. A sostenere il dissenso generale è anche la lista di opposizione ‘Il Melograno’.

Le parole dei consiglieri di minoranza contro i fuochi d’artificio

Alessio Ottolini capogruppo di minoranza
Alessio Ottolini capogruppo di minoranza

“Durante la Giornata dell’Anziano – spiega il leader di minoranza Alessio Ottolini – l’assessore Giorgio Zarinelli ci aveva spiegato che, a eccezione dei primi tre fuochi segnalatori e degli ultimi tre di chiusura, tutti gli altri sarebbero stati senza il suono della detonazione, ma con solamente il classico effetto scenico e cromatico. Sabato alle 22.30 invece la sorpresa: altro che fuochi d’artificio silenziosi. Quello andato in scena è stato uno spettacolo pirotecnico in piena regola, con le classiche detonazioni e i classici botti. Il tutto, come ovvia conseguenza, nell’imbarazzo generale, nella sorpresa del pubblico e buona pace dei 4 zampe presenti. Ci chiediamo il perché di questa continua presa in giro dei cittadini creando illusorie aspettative. E’ questo sia il rispetto per i cittadini che ha l’amministrazione Colombo”. Senza contare, poi, che la musica delle giostre è andata avanti fino alla 1.30 passata.                    

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.