Castano Primo, grave incidente per un calciatore della Castanese Calcio

di Deborah Ali

CASTANO PRIMO (MI) – Castanese Calcio: grave incidente per il giovane Filippo Ornaghi. La società si stringe attorno al ragazzo di 21 anni in questo momento difficile di riabilitazione. La Gs Castanese non trova pace: dopo la scomparsa del piccolo Braian, sconfitto a 9 anni dalla leucemia, ora il 21enne Filippo Ornaghi deve affrontare le conseguenze di un brutto infortunio capitato mentre stava aiutando il padre nella falegnameria di famiglia, lo scorso 29 aprile.

Le parole della società di Castano Primo

“Chiediamo un po’ di tatto vista la delicata situazione – dichiarano i dirigenti della Gs Castanese – Filippo è stato vittima di un brutto incidente mentre aiutava il suo papà nella loro falegnameria. Basti pensare che questo giovane del 2001 si è visto di colpo cambiare la vita e dovrà accettare e affrontare le gravi conseguenze dell’incidente. La vita ci sta mettendo a dura prova. Un’altra notizia triste ha spento i sorrisi della famiglia neroverde”.

Grave incidente in falegnameria

“Purtroppo, a causa di un grave incidente sul lavoro, la stagione del nostro giovane centrale di difesa finisce qua. Ma non finisce certo la sua voglia e la sua passione verso questo sport e per la maglia neroverde. Alla notizia, i tuoi compagni di squadra si sono stretti in un abbraccio e l’unico pensiero adesso sarà quello di andare a vincere per lui”. “Forza Fili – continua la società rivolgendosi direttamente al giovane – ti aspettiamo a braccia aperte”.

Il ricordo del piccolo Braian

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

La società, due settimane fa, ha ricordato il piccolo Braian scomparso il 27 aprile dopo una lunga lotta contro la leucemia. In campo piccoli e grandi calciatori della Gs sono scesi con dei palloncini neri e verdi che hanno fatto volare dopo il minuto di silenzio in suo ricordo. “A volte le parole non bastano – concludono dalla società – E allora servono i colori. E le forme. E le note. E le emozioni”. Emozioni come quelle sul volto segnato dal dolore della famiglia del piccolo Braian mentre hanno ricevuto un omaggio in ricordo del loro piccolo angelo. 

I COMMENTI