Durante il consiglio aperto si è discusso anche del malfunzionamento del riscaldamento al ‘facchetti’

di Francesca Ceriani

Martedì si è svolto un consiglio comunale aperto per discutere del futuro del centro sportivo Facchetti e della situazione dei lavori alla palestra Sadat delle scuole medie di Bareggio. Pochi i presenti in aula, ma a mancare sono state soprattutto le associazioni che utilizzano gli impianti. Cerchiamo di ricostruire le vicende delle due strutture. Dal 2009 il comune cerca di affidare il centro Facchetti, ma i bandi fatti (l’ultimo scaduto a novembre 2014) sono andati deserti perché, accusa l’opposizione, il corrispettivo e la durata previsti dal bando sarebbero stati poco consistenti . Ad oggi la struttura viene gestita in economia per 46 ore. I problemi strutturali relativi all’impianto sono numerosi, ma quello che fa più discutere pare essere il riscaldamento: la palestra è fredda e non appena le temperature si abbasseranno ulteriormente alcune associazioni saranno costrette a smettere le loro attività. Ora le strade possibili illustrate dall’amministrazione sono due: il comune potrebbe investire nei lavori necessari per migliorare l’impianto e poi affidarlo in gestione oppure potrebbe aprire un bando entro la fine di gennaio 2016, simile al vecchio, ma più vantaggioso sia in termini di durata sia per il corrispettivo riconosciuto al futuro gestore e affidare l’impianto entro aprile del prossimo anno. Quello che è emerso dalla discussione però è che l’amministrazione non ha ancora le idee chiare sul da farsi. Altro tema affrontato è stato la situazione dei lavori alla palestra Sadat: i lavori, sulla carta, sono terminati a luglio (quindi in anticipo rispetto alla scadenza prevista per settembre). In realtà però i sei bagni costruiti, che sono stati l’intervento principale, non sono ancora fruibili né dai cittadini né dalle associazioni. La richiesta principale dei cittadini in aula, in particolare del presidente del MyVolley, Mauro Marcolungo, è stata quella di capire quando la palestra potrà essere omologata per lo svolgimento di campionati sportivi. Ha risposto Ivan Andrucci, assessore ai Lavori pubblici: “Dobbiamo rimettere a posto le pareti, intervenire sulla gestione del calore, imbiancare il locale infermeria e installare la tribuna. Credo che da febbraio 2016 potremo iniziare le procedure per omologare la struttura”. Seguiremo l’evolversi delle due situazioni.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.