Linea dura dei giudici del Riesame, l’avvocato difensore del dipendente comunale di Castano Primo, Pasquale Buffardi, valuta il ricorso in Cassazione

di Francesco Colombo

CASTANO PRIMO (MILANO) – Deve restare in carcere Pasquale Buffardi. Il 65enne politico e dipendente del comune di Castano Primo era stato arrestato venerdì 30 aprile per pornografia minorile, adescamento di minori e detenzione di materiale pedopornografico.

Il Tribunale: “Buffardi resta in carcere”

Lo hanno stabilito i giudici del Tribunale del Riesame, ai quali l’avvocato difensore di Buffardi, Carlo Soldani, aveva presentato istanza per la concessione degli arresti domiciliari. Istanza negata: secondo i giudici del Riesame, sussiste ancora il serio rischio che il 65enne castanese, una volta a casa, possa reiterare il reato. Raggiunto telefonicamente, l’avvocato Soldani ha dichiarato: “Apprendo da voi della notizia e ne prendo atto. Non mi hanno ancora notificato nulla. Leggeremo le motivazioni e poi valuteremo se fare ricorso in Cassazione”.

Spuntano nuovi casi

Ma c’è un’altra novità. In un recentissimo sviluppo dell’inchiesta, forse a seguito dell’analisi dei dispositivi tecnologici, sarebbero spuntati altri 4 casi simili a quelli che vengono contestati a Buffardi. Il legale difensore “non è a conoscenza di ulteriori contestazioni”. Se la circostanza fosse confermata, la posizione del dipendente comunale castanese diventerebbe ancora più compromessa.

Le accuse

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

In ogni caso, le accuse mosse dal pubblico ministero Alessia Menegazzo sono già molto pesanti. La Procura contesta a Buffardi di aver tentato di adescare una 11enne del sud Italia e di aver ricevuto da una 16enne “alcune immagini e video che la ritraevano in pose erotizzate, nonché nel compimento di atti di auto-masturbazione”. Inoltre sul suo pc erano stati trovati 1.739 foto e 256 video pedopornografici. Proprio per la particolare gravità e natura delle ipotesi di reato formulate, lo stesso Gip che convalidò l’arresto, Angela Minerva, riteneva fondato il pericolo che Buffardi potesse reiterare il reato, se lasciato ai domiciliari.

“Stanco e provato” dal carcere

Chi lo ha visto a San Vittore lo descrive “stanco” e “provato”, psicologicamente devastato da un’inchiesta che lo ha travolto e lo ha messo dietro le sbarre. Ma il punto vero è un altro: se in questo momento Buffardi dovesse incontrare altri detenuti, la sua incolumità sarebbe in serio pericolo, in quanto la pedofilia rientra in quel gruppo di reati che – secondo il codice d’onore proprio della prigione – non possono mai essere tollerati.

In isolamento

Ecco perché l’uomo continua a rimanere in isolamento, nel tentativo di limitare il più possibile le interazioni all’interno del carcere. Anche la famiglia del 65enne non sta vivendo momenti facili: sembra, infatti, che i familiari di Buffardi fossero praticamente all’oscuro dei comportamenti del padre, e che abbiano vissuto lo scandalo come un grande choc. Ora si attende che la Procura eserciti l’azione penale, per chiedere il rinvio a giudizio. Poi, con tutta probabilità, si aprirà il processo, nel quale si potrà conoscere fino in fondo la verità sull’inchiesta.

I COMMENTI