Il primario Nicola Mumoli a La 7: “Lieve aumento della curva di infezione”.

8 GENNAIO 2021

di Francesca Ceriani

MAGENTA (MILANO) – Il primario di Medicina dell’ospedale ‘Fornaroli’ di Magenta, Nicola Mumoli, è stato intervistato ieri, giovedì 7 gennaio, da ‘La 7’.

Mumoli: “Troppi tagli alla Sanità”

Si è parlato innanzitutto di vaccini. All’ospedale di Magenta si sta proseguendo con un ritmo di 150 vaccinazioni al giorno circa. In questa prima fase è assai importante vaccinare tutti gli operatori sanitari affinché rientrino in reparto immunizzati. Ma visto l’impegno di medici e infermieri sul fronte vaccinazioni e visto l’arrivo imminente della terza ondata, il personale sanitario sarà sufficiente? Il professor Mumoli non ha dubbi: “Da 20 anni ormai si fanno tagli alla Sanità. Io vengo dalla Toscana: quando ero un giovane medico a Livorno, erano aperti 5 reparti di Medicina interna. Quando sono andato via ne era rimasto solo uno. Il taglio di medici, infermieri e posti letto è stato disastroso. E il Covid ha messo in luce questa carenza. Quello che noi cerchiamo di dire è che la politica ci deve aiutare ad assumere il più possibile nuovi medici e infermieri”.

Terza ondata in arrivo?

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Cosa succederà, quindi, se dovesse arrivare la tanto famigerata terza ondata? “Noi ci siamo attrezzati per curare i malati Covid della terza ondata – spiega Mumoli – Il pool di medici e infermieri che vaccinano continueranno a fare il loro lavoro. Sarà compito della politica occuparsi delle vaccinazioni sul territorio. Credo ci siano dei piani per vaccinare la popolazione di massa nelle strutture del territorio. Dovranno occuparsi delle vaccinazioni i medici di base, le farmacie e anche i Comuni. So che alcune amministrazioni si tanno muovendo per cercare locali idonei”.

Lieve aumento dei contagi

Alcuni segnali della terza ondata sono già visibili all’ospedale di Magenta. “Pochi minuti fa – continua il primario – ho avuto un briefing acceso con il primario del Pronto soccorso. Proprio oggi (7 gennaio, ndr) abbiamo 14 pazienti positivi al Covid da ricoverare. Io credevo di chiudere, entro fine anno, i due reparti Covid ancora aperti. Invece siamo in una fase di stallo purtroppo: in genere arriva lo stesso numero di malati Covid di quelli che dimettiamo. Non riusciamo quindi ad aprire i reparti puliti per i pazienti che hanno bisogno di cure. Inoltre c’è una piccola ripresa della curva di infezione”.

I COMMENTI