Il primario Giuliano Sarro è accusato dalla Procura di Milano di turbativa d’asta e corruzione. Coinvolta una multinazionale che produce materiali medici

di Redazione

MAGENTA (MILANO) – Arrestato il primario di Chirurgia Generale dell’ospedale ‘Fornaroli’ di Magenta, Giuliano Sarro: è accusato di turbativa d’asta e corruzione, si trova agli arresti domiciliari.

L’arresto del primario

I Finanzieri del Comando Provinciale di Milano hanno dato attuazione a un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari. L’ordinanza è stata firmata dal Gip del Tribunale di Milano, Livio Antonello Cristofano. Destinatario Giuliano Sarro, primario della Chirurgia Generale dell’ospedale ‘Fornaroli’ di Magenta. Sarro è accusato di corruzione e turbata libertà degli incanti.

Le indagini

Le indagini sono coordinate dal Procuratore Aggiunto Maurizio Romanelli e dirette dal sostituto procuratore Giovanni Polizzi. I magistrati hanno riscontrato anomalie in una gara indetta dall’Asst Ovest Milanese. Al centro dell’inchiesta la fornitura in comodato d’uso gratuito di sistemi bipolari e acquisto dei relativi materiali di consumo, a vantaggio di ‘Applied medical distribution BV’.

La multinazionale

‘Applied medical distribution BV’ è una multinazionale con sede nei Paesi Bassi. La società è indagata per corruzione: non avrebbe adottato misure idonee per prevenire la commissione dei fatti illeciti. In relazione alle condotte tenute, è indagato anche uno dei manager dell’azienda. Sono in corso numerose perquisizioni nelle province di Milano, Pavia e Treviso.

Il ruolo del primario

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

I Pm Polizzi e Romanelli hanno indagato, in particolare, su un appalto pubblico da 300.000 euro, assegnato nel settembre del 2019 alla società in cui lavora il figlio del primario Sarro. I dispositivi medici acquistati sarebbero inefficienti e presenterebbero gravi difetti. Il sospetto degli inquirenti è semplice. Il figlio del primario, Alessandro Sarro, sarebbe stato favorito a partire dal settembre 2017. In quella data infatti il figlio del primario ha cominciato a lavorare per la multinazionale. Da allora l’azienda si è aggiudicata un numero di appalti superiori rispetto al passato.

I COMMENTI