Robecco sul Naviglio, pagelle a sindaco e giunta: ottimo lavoro sul Sociale

di Elisa Turati

ROBECCO SUL NAVIGLIO (MILANO) – Siamo giunti alla fine del 2022 e, come ogni anno, è tempo di tirare le somme sull’operato dei sindaci e delle amministrazioni comunali. Promossa la giunta di Robecco sul Naviglio.

Pagelle: giunta promossa per il Sociale

Per quanto riguarda le politiche sociali, la condotta della giunta è stata impeccabile. Sia nella gestione e negli aiuti alla cittadinanza durante la pandemia Covid sia per l’emergenza scatenata dalla guerra della Russia contro l’Ucraina, che ha portato molti cittadini ucraini a venire a cercare rifugio in diversi comuni dell’Altomilanese. Robecco è stato uno dei comuni che ha accolto il maggior numero di rifugiati. Inoltre, l’amministrazione ha attivato diverse iniziative per aiutare i profughi. Alcuni esempi sono la raccolta di cibo e vestiti, la fiaccolata per la pace, in collaborazione con alcune associazioni del territorio. Ma sono state realizzate altre iniziative solidali in occasione del Natale, come la ‘Camminata solidale’, con lo scopo di raccogliere generi alimentari destinati alla Caritas del paese.

Lavori pubblici e il rapporto con le opposizioni

Per quanto riguarda le opere pubbliche, invece, come lamenta anche la minoranza, tutto è un po’ fermo e il Comune ha realizzato opere di ordinaria manutenzione. Al primo cittadino Fortunata Barni assegniamo un 7 pieno. Il voto potrebbe essere più alto, ma a penalizzare la sindaca è il rapporto difficile con le opposizioni. A tratti, poi, ha mostrato una certa insofferenza alle critiche. Per quanto riguarda il vicesindaco e assessore al Turismo Enzo Barenghi, il voto è 6. Svolge le mansioni del suo assessorato in modo ordinato, ma in consiglio comunale la sua attività è pressoché assente. Stesso discorso e stesso voto anche all’assessore al Bilancio Silvia Rondinini (6) e all’assessore alle Politiche educative e scolastiche Alessandra Maltagliati (6). Diverso, invece, è il discorso per l’assessore alle Politiche sociali e sanitarie Luigi Vadrucci. A differenza degli altri, infatti, Vadrucci interviene spesso durante le assise difendendo l’operato del sindaco e della giunta, anche se nel confrontarsi e rivolgersi alla minoranza risulta a volte sopra le righe. Per lui il voto è di 6/7.