Magenta, 15enne di Corbetta picchiata da 5 compagne di classe del liceo Quasimodo

di Francesco Colombo

15enne minacciata e picchiata da 5 compagne di classe. Tutte le studentesse frequentano il liceo Quasimodo di Magenta, la vittima è di Corbetta: ha presentato denuncia ai Carabinieri per lesioni

MAGENTA-CORBETTA (MILANO) – 15enne minacciata e picchiata da 5 compagne di classe, choc in città: la studentessa ha denunciato le sue coetanee, 4 di loro residenti a Corbetta e una a Magenta. La vittima, corbettese, frequenta il Liceo classico Quasimodo di Magenta e ha sporto querela ai Carabinieri per lesioni.

15enne minacciata e picchiata da 5 compagne di classe

Una storia drammatica di bullismo e di violenza, che si è sviluppata nel pomeriggio di venerdì 22 settembre. La vittima, assieme ad altri 3 amici, si reca al McDonald’s di Magenta al termine delle lezioni. Uno di loro le mostra una chat di what’sApp dove un’amica della ragazza la prende in giro e la insulta pesantemente. Turbata, la 15enne prende in mano lo smartphone e chiama per chiedere spiegazioni, ma dall’altra parte del telefono risponde un’altra ragazza che la irride. La 15enne corbettese, furiosa, sbotta ed esclama: “Ti darei uno schiaffo”.  A quel punto, la sua interlocutrice le dà appuntamento per le 16 al parco comune di Magenta.

Il branco contro la vittima

Lì, ad attendere la vittima – accompagnata dai 3 amici incontrati al fast food – ci sono 5 sue (presunte) amiche, coetanee, assieme ad altri 5 ragazzi. Una situazione che subito diventa pericolosa, in 10 contro 1. Il branco circonda la ragazzina, iniziano gli spintoni, e le minacce: “Sei falsa, sei un’amica di merda”, e ancora: “Fin quando non le tiri davvero uno schiaffo non te ne vai”. La 15enne tenta di recarsi alla fermata del pullman ma il gruppetto la blocca. Lei, costretta dalle circostanze, tira un buffetto alla ragazza sentita al telefono, nella speranza di essere lasciata in pace.

Pugni in faccia e calci sulle gambe

Al contrario, invece, si scatena contro la ragazzina di Corbetta una violenza inaudita. Afferrata per i capelli, viene raggiunta da “pugni sul viso”, “calci sull’addome e sulle gambe”. Solo l’intervento provvidenziale di uno degli amici, un 15enne residente a Corbetta, scongiura il peggio. Il ragazzo riesce a mettere in fuga il branco di 15enni urlando.

La corsa in ospedale e la denuncia

In preda a “forti dolori alla mascella, al fianco, alla testa e alle gambe”, la ragazzina racconta tutto piangendo alla madre, con la quale si reca al pronto soccorso di Magenta. La prognosi è di 5 giorni, ma per la vittima – che già in passato era stata in cura da uno psichiatra per altri episodi di bullismo – torna l’incubo di un nuovo percorso terapeutico dopo lo choc. La famiglia della ragazza si è intanto rivolta all’avvocato Roberto Grittini di Abbiategrasso e sta valutando una richiesta danni piuttosto consistente. “Stiamo analizzando la situazione – commenta il legale – e svolgendo indagini difensive per individuare i soggetti autori. Siamo a buon punto”.