Succede a Vittuone, nel Milanese, dove la maggioranza del Carroccio si regge su un solo voto. E tra poco si deve approvare il bilancio

24 FEBBRAIO 2020

di Francesca Ceriani

VITTUONE (MILANO)La giunta leghista di Vittuone, nel Milanese, rischia di cadere: il capogruppo di maggioranza, Gianmarco Colombo, ha infatti rassegnato le dimissioni.

I precedenti

Già nei mesi scorsi c’erano stati diversi segnali di insofferenza da parte di alcuni componenti della maggioranza. Dopo il turnover degli assessori (in quattro anni ne sono cambiati cinque), infatti, il consigliere Livio Fagnani aveva lasciato la maggioranza, formando il Gruppo Misto, mentre il consigliere Giancarlo ‘Talo’ Bernacchi aveva rinunciato alle deleghe. Ora, dopo mesi di malumori, il capogruppo Colombo ha deciso di dimettersi. Dato che la maggioranza leghista, eletta nel 2016, si regge su un solo voto, la giunta rischia davvero il crollo. Al posto di Colombo potrebbe entrare l’ultimo consigliere non eletto (Natascia Portalupi) ma se un altro consigliere, sulla scia delle dimissioni di Colombo, dovesse abbandonare la maggioranza, il sindaco Stefano Zancanaro e la sua squadra (o quel che ne resta) andrebbero a casa con un anno di anticipo. Dopo il crollo della giunta di Cuggiono, sempre a trazione leghista, quella di Vittuone potrebbe essere l’ennesimo smacco per il Carroccio locale.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. In questo periodo però le aziende sono chiuse e la pubblicità si è molto ridotta. Nel mese di marzo avete visitato il nostro sito e letto i nostri articoli 500.190 volte! Noi continuiamo a offrirvi la stessa informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

I COMMENTI