Comincerà domani alle 9,30 al Tribunale di Milano l’ultima udienza del processo che vede imputato l’ex assessore alla Sanità della Lombardia Mario Mantovani (Fratelli d’Italia) e l’attuale viceministro all’Economia, il leghista Massimo Garavaglia

16 LUGLIO 2019

di Redazione

MILANO – E’ prevista per domani la sentenza di primo grado al processo che vede imputati l’ex assessore alla Sanità della Regione Lombardia, Mario Mantovani, assieme ad altre 11 persone, tra cui l’attuale viceministro all’Economia, il deputato leghista Massimo Garavaglia.

Le richieste della Procura

Il Pubblico ministero titolare dell’inchiesta, Giovanni Polizzi, ha formulato lo scorso 27 marzo le richieste di candanna per tutti gli imputati: 7 anni e 6 mesi di carcere per Mantovani (accusato di corruzione, concussione, turbativa d’asta e abuso d’ufficio), 2 anni per Garavaglia (accusato di turbativa d’asta), 4 anni e 10 mesi per l’ex braccio destro di Mantovani Giacomo Di Capua, 2 anni per l’ex direttore dell’Asl Milano 1 Giorgio Scivoletto, 2 anni e 9 mesi per l’architetto di Mantovani Gianluca Parotti, 2 anni e 8 mesi per l’architetto Gianluca Peluffo, 2 anni per l’ex presidente di Croce Azzurra Ticinia Onlus Giovanni Tomassini, 1 anno per il medico dell’ospedale di Cuggiono Sergio Finazzi, 2 anni per il contabile di Mantovani Antonio Pisano, 2 anni per il direttore generale di Fondazione Mantovani Michele Franceschina, 4 anni per l’ex provveditore alle Opere pubbliche, Francesco Errichiello e 1 anno per Vincenzo Battaglia.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

L’ultima arringa, poi la sentenza

Domani, mercoledì 17 luglio, l’udienza prevede alle 9,30 l’ultima arringa di Roberto Lassini (avvocato di Mantovani), che ha di recente rilasciato un’intervista al rotocalco ‘Visto’ (della ‘Visibilia Editore’, società presieduta da Daniela Santanché di Fratelli d’Italia), sostenendo che il politico di Fratelli d’Italia è innocente e aggiungendo di confidare nella sua assoluzione. Dopo l’arringa di Lassini, il collegio giudicante presieduto da Giulia Turri si ritirerà in camera di consiglio. La sentenza potrebbe arriverà già nella tarda mattinata, anche se appare più probabile che la decisione giungerà nel pomeriggio.

I COMMENTI