Una strana interpretazione della ‘par condicio’ mette in imbarazzo i sindaci: in quanti capi delle pubbliche amministrazioni non possono dire pubblicamente se voteranno ‘sì’ oppure ‘no’ al referendum del prossimo 4 dicembre. Ma il divieto non vale né per Renzi né per i suoi ministri

7 NOVEMBRE 2016

di Ersilio Mattioni

ROMA – Se chiedete ai sindaci di pronunciarsi sul referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre, molti di loro vi mostreranno una lettera: è firmata dal Corecom (l’autorità che vigila sul rispetto della ‘par condicio’) e fa presente il divieto per le pubbliche amministrazioni di svolgere attività di propaganda e di comunicazione. Dal momento che i sindaci sono i capi delle rispettive amministrazioni, ne consegue che non possono esporsi e prendere posizione sul referendum? Qualcuno pensa di sì, anche se non mancano i ‘ribelli’.

Clicca sul documento per ingrandirlo

referendum costituzionale 2016 divieto sindaci corecom
La lettera che il Corecom ha inviato ai sindaci

Per Renzi nessun divieto

Strana nazione l’Italia: un sindaco di un comune di 800 anime non può dichiarare pubblicamente il suo orientamento a un referendum costituzionale, perché così facendo influenzerebbe indebitamente gli elettori, mentre il capo del governo e i suoi ministri possono tranquillamente fare propaganda, girando la nazione e sconfinando pure all’estero. Di Matteo Renzi, per esempio, tutti conoscono l’orientamento: è lui ad aver voluto questa riforma; è lui ad aver detto che il ‘sì’ cambia l’Italia e la proietta nel futuro; è sempre lui ad aver detto (salvo poi cambiare idea spaventato dai sondaggi) che si sarebbe ritirato dalla politica in caso di vittoria del ‘no’; è ancora lui ad aver mobilitato ministri e partito per una campagna elettorale permanente a sostegno della riforma. Sarebbe utile sapere se, per il Corecom, l’esposizione mediatica del premier possa, in qualche modo, influenzare gli elettori oppure no.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

L’escamotage di Mattarella

D’accordo, non è il Corecom ad applicare le leggi e quella sulla ‘par condicio’ è piena zeppa di paradossi. Però il buon senso, a volte, vale più di una norma un po’ assurda, vetusta e inadeguata, al punto tale da sembrare ormai una barzelletta. E infatti persino il presidente della repubblica, Sergio Mattarella, trova un escamotage per far capire che voterà ‘sì’. E’ stato il fondatore de ‘La Repubblica’, Eugenio Scalfari, a rivelarlo con un editoriale: “Il presidente è favorevole al referendum costituzionale che pone fine al bicameralismo perfetto”. Il Quirinale non ha smentito, non ha proferito verbo. Imbarazzante, anche se lo è sempre di meno dell’ex capo dello Stato, Giorgio Napolitano, che non faceva l’arbitro quando era nel pieno delle sue funzioni, figuriamoci adesso.

Il merito della riforma

Però il problema sono i sindaci, che non possono schierarsi, perché se no si altera il voto democratico. Davvero, in questa nazione, non si sa più se ridere o piangere. Anche perché si continua a parlare di tutto, tranne che del merito della riforma costituzionale, l’unica cosa veramente importante.

I COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO