Robecchetto, crisi di giunta o crisi sentimentale? Il gossip impazza. Il sindaco: “Questioni private hanno fatto cadere l’amministrazione”

Crisi politica e crisi sentimentale? Questioni amministrative o questioni di cuore? La vita privata si mischia alla politica in un cortocircuito pericoloso, che alimenta il gossip. Qualcuno non dice la verità. Dettagli e retroscena venerdì 6 aprile in edicola

di Redazione

ROBECCHETTO CON INDUNO (MILANO) – Il fatto, in sé, è chiarissimo: il sindaco Giorgio Braga è stato mandato a casa da 4 dei suoi consiglieri, cui si sono aggiunti altri 4 dell’opposizione. Ma perché? Nessuno lo ha ancora spiegato. Il comunicato degli 8 dimissionari, infatti, è molto fumoso: lancia accuse generiche e non dice nulla nel merito. La risposta del sindaco, invece, è sibillina e scomoda, senza spiegarle, “vicende private, personali e delicate”. Un modo carino per evitare di dire ciò che tutti sanno: affari di cuori e questioni sentimentali. Sulle quali si è innescato il gossip, che scomoda le relazioni clandestine e le loro conseguenze.

Vicende private e gossip

“Negli ultimi tempi – ha detto il sindaco Braga, mercoledì 3 aprile, nel corso di una conferenza stampa – sono sorte delle problematiche tra alcuni componenti della giunta, ma legate a vicende strettamente personali e delicate, vicende che esulano completamente dall’attività politica e amministrativa. Situazioni private che hanno innescato una serie di tensioni interpersonali”. Vecchia scuola, il buon Braga. Il politichese è il linguaggio di chi sa tutto, ma non vuole dirlo. Vuole solo farlo intendere.

Assessori sotto accusa

Insomma, ci sarebbero due assessori che avrebbero mischiato con la politica le loro vicende “personali e delicate”. Fatti di vita privata, che avrebbero dovuto restare tali e che invece hanno creato problemi all’intera amministrazione. Fatti che però non possono essere resi pubblici. E non perché protetti dalla privacy (che per i politici non esiste), ma perché è meglio che non si sappiano. Forse creerebbero altri problemi nelle sfere familiari?

Il dubbio

E va bene, qualche assessore avrebbe fatto il birichino. Se fosse così, non ci sarebbe niente di male né niente di grave. Solo gossip. Ma perché questo avrebbe comportato la caduta dell’amministrazione? E’ questa la domanda a cui nessuno vuole rispondere. L’impressione è che sia gli 8 dimissionari sia il sindaco Braga non stiano dicendo tutto. Anzi, non stiano dicendo il vero motivo della crisi politica. I cittadini però hanno diritto di saperlo.

Dettagli e retroscena

Per conoscere dettagli e retroscena di questo giallo politico-sentimentale vi diamo appuntamento in edicola, venerdì 6 aprile, con il settimanale Libera Stampa l’Altomilanese.