Busto Arsizio batte tutti: il liceo ‘Daniele Crespi’ è di gran lunga la scuola migliore del territorio. Crolla Legnano, che un tempo vantava uno dei licei scientifici più rinomati dell’intera provincia. Luci e ombre su Magenta e Parabiago e Vittuone. Tiene bene Castano Primo. Male Abbiategrasso, Vittuone e Arconate. La classifica è stata stilata dai ricercatori della ‘Fondazione Agnelli’

18 NOVEMBRE

di Attilio Mattioni

ALTOMILANESE – ‘Fondazione Agnelli’ ha pubblicato anche quest’anno la classifica dei licei classici, scientifici e linguistici. La ricerca, che vuole essere un utile strumento per i genitori e i ragazzi nella scelta della scuola superiore, ha preso in considerazione i risultati che i diplomati di ciascuna scuola hanno ottenuto negli studi universitari. I ricercatori hanno preso in esame un periodo di cinque anni e hanno tenuto in considerazione non solo il voto finale di laurea ma anche la media dei voti negli esami, il tempo impiegato per conseguire la laurea e altri fattori ritenuti significativi. L’indagine è stata imponente e ha richiesto tempo e mezzi notevoli, oltre a un cospicuo investimento di risorse finanziarie.

tabella-classifica-scuole-licei-2016-libera-stampa-laltomilanese

(Clicca sull’immagine per ingrandirla)

Licei classici

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Il risultato è però molto interessante perché permette di ‘mettere in fila’ i diversi istituti scolastici del nostro territorio: a ciascuna scuola è stato attribuito un punteggio, ottenuto sommando le diverse componenti della valutazione scientifica. E, di certo, non mancano le sorprese. Il miglior liceo classico del nostro territorio è il ‘Daniele Crespi’ di Busto Arsizio che supera in modo chiaro sia il ‘Salvatore Quasimodo’ di Magenta sia il ‘Galileo Galilei’ di Legnano: esattamente la stessa classifica dello scorso anno.

Licei scientifici

Tra i licei scientifici, primeggia quello di Busto Arsizio (‘Arturo Tosi’), in testa alla classifica anche nel 2015. Al secondo posto torna il liceo ‘Donato Bramante’ di Magenta, che lo scorso anno era stato ‘retrocesso’ in terza posizione, davanti (sia pure per un’incollatura) al ‘Giuseppe Torno’ di Castano Primo, che si conferma comunque uno dei migliori ‘scientifici’ del territorio: da notare come il ‘Torno’ ha riportato un punteggio inferiore a quello dello scorso anno. ‘Bocciati’ invece gli ‘scientifici’ di Parabiago (Il ‘Claudio Cavalleri’), Abbiategrasso (il ‘Vittorio Bachelet’) e il ‘Galileo Galilei’ di Legnano, un tempo uno dei licei migliori della zona ma che oggi si lascia alle spalle solo il liceo ‘Alessandrini’ di Vittuone, ultimo in classifica.

Licei linguistici

Passando ai licei linguistici, il migliore, secondo la ‘Fondazione Agnelli’, è il ‘Daniele Crespi’ di Busto Arsizio, che precede il ‘Cavalleri di Parabiago; ‘bocciati’ e ultimi in classifica, quasi appaiati, il liceo europeo di Arconate e il ‘Quasimodo’ di Magenta, che conseguono, tra l’altro, un punteggio inferiore all’anno precedente.

Busto Arsizio al top

In termini assoluti il miglior liceo del territorio è il liceo classico ‘Daniele Crespi’ di Busto Arsizio, davanti allo liceo scientifico ‘Arturo Tosi’, sempre di Busto, e al ‘classico’ di Magenta, il ‘Quasimodo’. Le scuole peggiori sono i tre ‘linguistici’: sul fondo della classifica quello di Magenta (il ‘Quasimodo’), seguito a brevissima distanza da quello di Arconate (il liceo europeo) e da quello di Parabiago (il ‘Cavalleri’).

Conclusioni

Ogni classifica è certamente discutibile e anche quest’anno, come nel passato, non mancheranno le polemiche da parte dei dirigenti scolastici. Lamentele legittime, per carità. Però una cosa va tenuta presente: se ‘Fondazione Agnelli’ è diventata così autorevole in materia, ciò è dovuto alla qualità dei suoi ricercatori e al metodo di valutazione, che poggia su criteri oggettivi.