Tragedia a Igea Marina, in provincia di Rimini, dove un uomo di 55 anni, residente nel Milanese, si è sentito male in mare. Portato a riva e soccorso immediatamente, è morto dopo un’ora di disperati tentativi per rianimarlo

di Redazione

IGEA MARINA (RIMINI) – Un uomo di circa 55 anni, residente nel Milanese, è morto oggi nel tardo pomeriggio sulla spiaggia di Igea Marina, in provincia di Rimini.

Tragedia in mare

Erano da poco passate le 18, quando due ragazzini hanno notato il corpo di uomo, caduto in mare dal suo materassino. Il 55enne non dava segni di vita e gli adolescenti hanno subito allertato i bagnini. Nel giro di pochi minuti i soccorritori hanno portato l’uomo sul bagnasciuga del bagno 78 (vicino al pontile del bagno 77, da dove parte la famosa motonave Super Tayfun) e lo hanno soccorso.

Tentativo disperato

Per oltre un’ora si è cercato di rianimare l’uomo anche grazie all’intervento di una cliente dell’Afrika Beach, di professione soccorritrice. Quest’ultima ha fatto ricorso al defibrillatore, di cui la spiaggia è dotata. Ma è stato tutto inutile. Il 55enne, giunto sul bagnasciuga ancora vivo benché incosciente, ha smesso di rispirare ed è morto.

La dinamica

La dinamica della tragedia è ancora al vaglio degli inquirenti. Oltre a un’autoambulanza, sono giunti sul posto gli uomini della Capitaneria di porto e gli agenti della Polizia locale di Bellaria-Igea Marina. Dalle prime ricostruzioni il 55enne si sarebbe inoltrato in mare da solo sopra un materassino. Pare non sapesse nuotare. Difficile quindi che abbia deciso di superare le boe per raggiungere quella porzioni di mare, prima degli scogli, dove però non si tocca. Più probabile invece che un malore lo abbia colto e che le onde – oggi il mare è agitato – lo abbiamo poi trascinato al largo, dove gli adolescenti lo hanno notato.

Indagini in corso

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Gli inquirenti indagano ora sulla tragedia per ricostruire l’esatta dinamica e formulare ipotesi più concrete. La moglie del 55enne ha raggiunto l’Afrika Beach mentre i soccorritori cercavano disperatamente di rianimare il marito, praticandogli un massaggio cardiaco in modo continuativo, senza purtroppo riuscire a salvargli la vita.

I COMMENTI