La società che vuole costruire la discarica chiede al comune di Casorezzo di rimuovere la spazzatura. Il sindaco Oldani: “E’ territorio di Busto Garolfo. Dopo 8 anni ‘Solter Srl’ non conosce neppure i confini dell’area che ha acquistato”

14 AGOSTO 2020

di Patrizia Meneghin

CASOREZZO-BUSTO GAROLFO (MILANO) – Una discarica abusiva nell’area dove ‘Solter Srl’ vorrebbe costruire una discarica autorizzata di rifiuti pericolosi. Ha del paradossale quanto è accaduto nelle Cave di Coserezzo e Busto Garolfo lo scorso 30 luglio.

La lettera

‘Solter srl’ ha scritto al sindaco di Casorezzo, Pierluca Oldani: “Egregio signor sindaco, preme con la presente segnalarLe che in via della Cave, in prossimità dell’accesso carrabile all’area di proprietà della scrivente società sono stati abbandonati rifiuti di natura apparentemente urbana in quantità significativa”.

La lettera inviata da ‘Solter Srl’ al sindaco di Casorezzo

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. In questo periodo però le aziende sono chiuse e la pubblicità si è molto ridotta. Nel mese di marzo avete visitato il nostro sito e letto i nostri articoli 500.190 volte! Noi continuiamo a offrirvi la stessa informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Accesso bloccato

“Gli stessi rifiui – prosegue ‘Solter Srl’ – necessitano dunque di rimozione e smaltimento. Ciò anche al fine di consentire una adeguata percorribilità e l’accesso stesso all’area, evidenziandosi, sin da ora, una particolare urgenza in merito, attese le necessità di avviare, quanto prima, le previste attività di cantierizzazione”.

I rifiuti

Vengono allegate alla lettera anche fotografie che mostrano rifiuti di ogni genere: dai copertoni delle auto a varie cartacce, che ricoprono parte dell’area carrabile. Insomma, sembra una piccola discarica a cielo aperto, che impedisce a ‘Solter Srl’ di iniziare le attività.

La gaffe

Poi ‘Solter Srl’ fa una figuraccia: “Il tratto di strada in questione non rientra nella proprietà della scrivente, trattandosi, per quanti risulta, di pubblica via, di competenza comunale”. ‘Solter Srl’, continua poi proponendo di farsi carico dello smaltimento dei rifiuti, cercando di mantenere un dialogo con il comune.

“Non conoscono neppure le loro proprietà”

Tranchant la risposta del sindaco Oldani: “La ditta chiede di rimuovere i rifiuti. Peccato però che la strada in questione sia sul territorio di Busto Garolfo. Dopo 8 anni dall’acquisizione del ramo d’azienda (era il 2012), questa scarsa conoscenza della posizione delle aree di propria pertinenza non depone certo a favore dell’affidabilità di Solter Srl”.

I COMMENTI