A Robecchetto con Induno, nel Milanese, alcuni malfattori tentano di estorcere denaro a una coppia di anziani coniugi, giocando la carta Covid-19 e facendo credere che loro figlia è ricoverata in ospedale

11 SETTEMBRE 2020

di Roberta Perera

ROBECCHETTO CON INDUNO (MILANO) – Purtroppo, c’è anche chi sul Covid 19 vuole lucrare in modo truffaldino. Succede a Robecchetto con Induno, nel Milanese.

I fatti

A raccontare cos’è accaduta è una donna, R. S.: i suoi genitori vengono contattati telefonicamente da alcuni malfattori, che hanno il solo scopo di estorcere loro del denaro. I malviventi giocano la ‘carta Covid’, facendo credere ai malcapitati che la figlia, di cui conoscevano nome e cognome, sia ricoverata a Milano in gravi condizioni.

La finta cura

Non solo. I due truffatori parlano agli anziani genitori di R.S. di un farmaco miracoloso, però anche molto costoso, che proviene dagli Stati Uniti d’America. Naturalmente va acquistato subito, perché in caso contrario la figlia rischia di morire.

Lieto fine

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. In questo periodo però le aziende sono chiuse e la pubblicità si è molto ridotta. Nel mese di marzo avete visitato il nostro sito e letto i nostri articoli 500.190 volte! Noi continuiamo a offrirvi la stessa informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

I coniugi però non si fanno prendere dal panico e telefonano alla figlia, che per fortuna rispende e chiarisce di stare benissimo.

Quanti sono i truffatori?

R.S., chiarito l’equivoco e sventata la truffa, decide di pubblicare tutto su Facebook. Poco dopo si fa avanti E.M, una ragazza che vive in paese e che riferisce di una telefonata simile ricevuta da sua nonna. Quanti sono i truffatori senza scrupoli?

I COMMENTI