Arconate, il giovane, sotto l’effetto di cannabis, si diede alla fuga dopo aver investito l’uomo in monopattino

di Redazione

ARCONATE (MI) – Drogato travolse 62enne in monopattino: rinviato a giudizio con l’accusa di lesioni personali stradali gravi, con l’aggravante di essersi messo alla guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e di essersi dato alla fuga. A processo S.C.,iIl 21enne di Arconate che, il 9 settembre 2021, travolse un uomo in monopattino in via Beata Vergine, all’altezza del civico 86. Lo ha stabilito il sostituto procuratore della Repubblica di Busto Arsizio, Massimo De Filippo, che ha disposto la citazione diretta in giudizio, fissando l’udienza per il 20 ottobre 2022.

Travolse 62enne in monopattino

Quel giorno il ragazzo era alla guida della sua Citroen C1 sotto l’effetto della cannabis quando, all’improvviso, travolse G.M., che era a bordo del suo monopattino in via Beata Vergine. L’impatto fu violentissimo. L’uomo subì un grave trauma cranico con emorragia, fratture della teca cranica, fratture scomposte alle gambe e una contusione polmonare. Forse preso dal panico, il giovane non si fermò a prestare soccorso ma fuggì verso casa, spaventato.

Guidava sotto l’effetto della droga

Per questo dovrà rispondere anche del reato previsto e punito dall’articolo 590 ter del codice penale, ovvero la ‘fuga del conducente in caso di lesioni personali stradali’. Le analisi sulla presenza di sostanze stupefacenti nel sangue del ragazzo furono effettuate dall’ospedale ‘Niguarda’ di Milano. La prognosi per l’uomo, travolto dall’auto e ricoverato all’ospedale di Legnano, fu di 60 giorni. I soccorsi arrivarono subito sul posto e, grazie alla tempestività dell’intervento, impedirono conseguenze ancora più gravi per la salute dell’uomo.

Il ragazzo rischia fino a 5 anni di carcere

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Ora si aprirà il processo per il 21enne, difeso dall’avvocato Roberto Grittini di Abbiategrasso. L’arconatese, in base al codice penale, potrebbe andare incontro a un minimo di 3 anni per le lesioni stradali gravi causate sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Con un aggravamento da un terzo a due terzi della pena, vista l’omissione di soccorso. In totale, il ragazzo rischia fino a 5 anni di carcere. Toccherà ora alla difesa delineare la strategia in vista della prima udienza in Tribunale a Busto Arsizio.      

I COMMENTI