IN EDICOLA – Le notizie di questa settimana

***GUARDA L’ANTEPRIMA VIDEO***

MAGENTA, L’ARROGANZA DEL BAR DEI SICILIANI – Esplode la protesta di cittadini e commercianti contro il locale in piazza Liberazione: schiamazzi notturni, parcheggi selvaggi e occupazione abusiva del suolo pubblico con tavoli e gazebi. Nemmeno le multe placano gli animi. La giunta Pd a gamba tesa: “Nessuna zona franca in città”

BUSTO GAROLFO, 12ENNE PICCHIATA E ABBANDONATA – Ennesimo caso di bullismo: una 12enne viene ingannata da due compagne che la invitano per un’uscita pomeridiana, poi la insultano, la pestano, le bruciano i capelli e la lasciano in mezzo alla strada

PARABIAGO, DEMOLITA UNA DIMORA STORICA  – Villa Nebbia, gioiello architettonico dei primi del ‘900, è stato abbattuto per far posto a due palazzine da undici piani: è il trionfo del dio denaro

CUGGIONO, BIMBA DISCRIMINATA PER SOSPETTO AUTISMO  – A Cuggiono un’alunna viene isolata dal resto dei compagni: genitori contro medici e insegnanti. L’autismo non è una malattia

CASTANO PRIMO, MUNICIPIO IN BOLLETTA – La nuova giunta scopre un debito di 1 milione di euro nelle casse comunali. Il sindaco: “Salvi per miracolo”

INVERUNO, RAPINA AL SUPERMERCATO – Un uomo minaccia la cassiera e ruba 600 euro: tenta la fuga a piedi, ma viene arrestato

LEGA NORD, BOSSI CONTRO SALVINI  – Il senatore sfiducia il leader del Carroccio a Pontida: l’Altomilanese leghista si divide a metà

CITTA’ METROPOLITANA, INUTILE CARROZZONE – Storia della nuova ‘Provincia di Milano’ che ha un debito da 68 milioni di euro

IL NETTURBINO CHE ‘SI RIFIUTA’  – A Marcallo con Casone un operatore ecologico svolge il suo lavoro bestemmiando, gridando e prendendo a calci i rifiuti: l’ira dei cittadini e l’intervento del sindaco

LA SPARATA  – Mario Mantovani, il politico a processo per corruzione, torna sulla scena pubblica e la spara grossa: “Una metropolitana nell’Altomilanese”. Scoppia l’ilarità generale

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.