gallera

Vittuone, filmò e fotografò due donne in bagno al centro commerciale ‘Il Destriero’: assolto il ‘guardone’

di Francesco Colombo

VITTUONE (MILANO) – Filmò e fotografò due donne in bagno al centro commerciale ‘Il Destriero’: assolto

Filmava le donne in bagno

Era stato soprannominato ‘il guardone del Destriero’. Si tratta di un 22enne che, il 28 gennaio del 2020, fu beccato mentre filmava e fotografava le donne durante i loro bisogni fisiologici, nascosto nei bagni del noto centro commerciale di Vittuone. G.S., denunciato e finito a processo a giugno del 2022 con l’accusa di “interferenze illecite nella vita privata” (articolo 615 bis del codice penale), oggi è stato assolto dalla nona sezione penale del Tribunale di Milano. L’accusa, rappresentata dal vice procuratore onorario Pietro Basilone, aveva chiesto per lui un anno di reclusione. E invece il giudice, clamorosamente, lo ha assolto.

22enne assolto

Sul telefono del ragazzo, difeso dall’avvocato Roberto Grittini, non stati trovati né i video, né le foto delle donne mentre facevano pipì nei bagni del ‘Destriero’. Manca, cioè, la prova del reato. Eppure furono proprio loro, due signore residenti a Robecco sul Naviglio e Magenta – difese dall’avvocato Simone Melina di Magenta – a scoprire il ragazzo. Il 22enne era nascosto nella toilette a fianco, intento a riprenderle in bagno, in un momento intimo come quello dell’espletamento dei bisogni fisiologici. Fu sporta denuncia ai Carabinieri di Corbetta che, anche grazie ai filmati della videosorveglianza interna, riuscirono a individuare il presunto responsabile. I militari perquisirono casa, sequestrarono pc e telefono cellulare e, tra l’altro, beccarono anche 800 grammi di marijuana e 3 grammi di hashish. La citazione diretta a giudizio risale a giugno 2022: nei giorni scorsi, l’assoluzione del Tribunale, che smonta l’impianto accusatorio.         

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.