Magenta, situazione sempre più tesa per le ostetriche: “Organico in sofferenza, troppi straordinari”

di Francesco Colombo

MAGENTA (MILANO) – E’ sempre più tesa la situazione all’interno del reparto materno infantile di ostetricia e ginecologia dell’ospedale ‘Fornaroli’ di Magenta. Dopo le polemiche dei mesi scorsi sulla riorganizzazione dei reparti e sulla mancata rotazione del personale, questa volta le ostetriche lamentano una carenza di personale molto seria.

Ostetriche sotto stress

Questa situazione starebbe influenzando in maniera significativa la “vita sociale e familiare” del personale del ‘Fornaroli’. E’ da mesi che le dipendenti del reparto lamentano con la direzione “una situazione di disagio”. In primo luogo la diversa organizzazione del personale. Questo, a meno di cambiamenti dell’ultimo minuto, bloccherà la rotazione delle mansioni e degli incarichi, precludendo a qualcuno la sala parto e ad altri, invece, altre attività. Ma non solo. Sul tavolo c’è anche la carenza in organico, con “continui esuberi” e difficoltà di recupero delle ore di straordinario. Ora, naturalmente, con i mesi estivi e con l’inizio delle vacanze, la situazione pare essersi aggravata. Tanto che – secondo alcune testimonianze – persino il personale assunto part-time si trova ad avere un numero eccessivo di ore straordinarie.

Le richieste

Le ostetriche, tramite le organizzazioni sindacali, chiedono ai dirigenti dell’ospedale di Magenta di provvedere quanto prima a garantire un po’ più di ‘respiro’ al personale. Intanto garantendo il recupero delle ore di straordinario; poi provvedendo “con urgenza” all’adeguamento dell’organico aziendale o a modifiche che mirino a garantire riposo adeguato a ciascuno. Anche perché – si sa – il ruolo dell’ostetrico, e più in generali degli infermieri e di tutti coloro che lavorano nei reparti d’ospedale, è molto delicato, e necessita delle giuste ore di riposo per poter essere al 100% in reparto. Un sovraccarico di lavoro, spesso, può risultare controproducente e dannoso per il personale ma anche per gli utenti.