IN EDICOLA – Le notizie di questa settimana

***ANTEPRIMA VIDEO SU FACEBOOK***

BUFERA A TURBIGO – La società dell’assessore all’Urbanistica Marzia Artusi (che possiede il 98% delle quote della ‘Ugo Srl’) condannata 2 volte dai tribunali a restituire 1 milione di euro. La vicenda comincia nel 2005 e finisce nel 2015, mentre dal 2016 è pendente un’altra denuncia penale alla Procura di Busto Arsizio. La storia è incredibile: la società di Artusi vende un immobile e incassa la caparra da 1 milione, poi lo rivende per la seconda e non restituisce il denaro. Per i Tribunali ‘Ugo Srl’ ha torto e ha trattenuto il denaro in modo illegittimo. L’assessore all’Urbanistica: “Non decidevo io, ma l’amministratore della società”. Il sindaco: “Lite fra privati, non ne so nulla”

VOLANTINI ELETTORALI AI BIMBI – A Corbetta il Pd annuncia un esposto in prefettura contro la lista di centrodestra: una foto immortala un candidato che mette materiale elettorale nelle mani di un bambino delle scuole elementari. La difesa: “C’erano genitori e nonni”

ELEZIONI 2016 – Nei comuni che il prossimo 5 giugno si recano alle urne sta succedendo di tutto: grandi sorprese dai nuovi sondaggi

INCHIESTA/1, DROGA E SPACCIO – Maxi-operazione nei comuni del Magentino: viaggi fra Olanda e Goia Tauro, i rapporti con la ‘mala’ sarda

INCHIESTA/2, ALLARME PROFUGHI – A Parabiago l’ipotesi di 100 profughi da ospitare, a Magenta il business tra accoglienza e affari

INCHIESTA/3, CAOS SANITA’ – A Cuggiono, in aumento i malati di tumore: i dati. A Magenta, pronto soccorso in tilt: la protesta

INCHIESTA/4, CHIESA E DENARI – I conti in tasca alle parrocchie di Castano Primo: stipendi dei parroci, feste, spese di ogni genere

IL CASO – A Vittuone, in piena campagna elettorale, la segretaria dell’ex sindaco Pd alla cena di Forza Italia: dubbi sui dipendenti pubblici

LA DENUNCIA – Ad Arluno, il parroco denuncia i ragazzi dell’oratorio: il caso è delicato, si indaga su strani episodi in parrocchia

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.