Busto Garolfo, due anni per la coppia che nascondeva 50 chili di marijuana nell’armadio di casa

di Francesco Colombo

BUSTO GAROLFO (MI) – Li avevano beccati con 50kg di marijuana nell’armadio. Per questo, una coppia di Busto Garolfo ha patteggiato la pena di 2 anni di reclusione davanti al gup di Busto Arsizio. I fatti risalgono allo scorso 21 dicembre, quando i due – E.G. di 47 anni e A.Z. di 37 anni – si ritrovarono in casa la squadra mobile di Milano alla ricerca della droga. E in effetti i poliziotti individuarono i 50 chili di erba in buste di plastica riposte in un armadio del corridoio e in una credenza del soggiorno.

Il bliz anti droga

Il blitz della Mobile si inseriva in una più vasta operazione antispaccio che, quella notte, aveva portato all’arresto di un buscatese con precedenti e di un albanese di Castano Primo (le loro posizioni giudiziarie furono trattate in un’altra sede, in un separato procedimento). L’inchiesta era partita da un appostamento dei poliziotti nella zona di San Siro, a Milano: un 51enne, sottoposto a controllo, fu trovato in possesso di 5 kg e mezzo di marijuana, di 2.000 euro in contanti e un’agenda con nomi e conteggi (una sorta di contabilità dello spaccio, insomma). Da lì partì il controllo sui due bustesi, difesi dall’avvocato Roberto Grittini, entrambi residenti in paese.

Cocaina oltre alla marijuana

La coppia aveva anche 3 grammi di cocaina e un kit per il confezionamento di dosi. La polizia li portò in carcere: lei uscì dopo alcuni giorni, lui rimase in cella per due mesi. Oggi, è arrivato il patteggiamento, concordato da Grittini con il pubblico ministero Carlo Alberto Lafiandra e ratificato dal giudice per l’udienza preliminare, Stefano Colombo. La coppia non finirà comunque in carcere, vista l’entità della pena. 

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.