96enne di Castano Primo, nel Milanese, viene fermato dai vigili per un controllo, da cui risulta che l’auto non ha l’assicurazione né la revisione. L’anziano non si scompone e spiega agli agenti che sta soltanto facendo il suo giretto quotidiano. Dopo la multa e il sequestrato del mezzo, aggiunge: “Provvederò a mettermi in regola”.

di Redazione

CASTANO PRIMO (MILANO) – In fondo non faceva nulla di male. In possesso di una regolare patente, un 96enne di Castano Primo girava per il paese e poi tornava a casa. Un giretto e nulla più, giusto per tenersi in esercizio.

Il controllo dei vigili

Ma questa mattina l’anziano è incappato in un controllo della Polizia locale. Alla richiesta di esibire i documenti, il 96enne ha mostrato la sua patente. Quando però gli agenti gli hanno chiesto anche l’assicurazione e il libretto del mezzo, hanno scoperto che l’auto non veniva revisionata da un pezzo e che mancava la copertura.

La risposta del 96enne

Il cittadino castanese non si è scomposto: “Tranquilli, sto solo facendo il mio giretto quotidiano”, avrebbe detto agli agenti. Ai vigili sarà scappato un sorriso “per il più anziano contravventore del codice della strada mai registrato in città”, chiosa il sindaco Giuseppe Pignatiello.

Il sindaco: “Che torni presto alla guida”

Pignatiello ha poi aggiunto: “Tutto è bene quel finisce bene. La bizzarra vicenda si è conclusa dopo che il comandante della Polizia locale, accertata la regolarità della patente del guidatore e avvertiti i figli, ha applicato la legge e sequestrato il mezzo. Ma il 96enne si è subito adoperato per regolarizzare la sua posizione e rimettere in circolazione l’auto. Al ‘nonnino’ auguriamo altri anni e chilometri di buona salute”.

I COMMENTI