Arluno, pitbull aggressivo lasciato libero: rissa al parco tra insulti e bestemmie

Un pitbull si avvicina minaccioso a due bimbi. La madre reagisce e rimprovera il padrone, che la prende male. Scoppia una rissa: dopo gli insulti, volano spintoni e minacce

di Attilio Mattioni

ARLUNO (MILANO) – Insulti, offese e rissa sfiorata al parco di via Sant’Apollonia, a causa di un cane (un pitbull) che, lasciato libero dal suo padrone, si è avvicinato con fare minaccioso a due bambini che stavano giocando.

Pitbull aggressivo

Nel pomeriggio di sabato scorso, 17 febbraio, una mamma con i suoi due figlioletti stava giocando all’interno del polmone verde arlunese. A un certo punto un cane (descritto dalla donna come di razza pitbull) si è avvicinato ai bimbi e la madre si è messa in allarme. Per la verità, il cane non ha toccato i bambini, ma la donna si è comunque spaventata per l’atteggiamento aggressivo dell’animale e li ha presi in braccio.

Il rimprovero

A quel punto il padrone del pitbull, che si trovava a poche decine di metri di distanza, ha fischiato per richiamare il cane, che ha subito obbedito all’ordine. “Guardi che il cane si deve tenere al guinzaglio – lo ha rimproverato la madre dei due bambini – soprattutto quando si tratta di una razza pericolosa”.

Insulti e bestemmie

A quel punto si è scatenata l’ira del proprietario dell’animale, descritto dalla donna come un uomo sui 35 anni, che ha riversato sulla giovane mamma un fiume di parolacce, offese e bestemmie. In soccorso della donna sono intervenuti 4 ragazzi, che erano seduti sul prato. Tra il gruppetto di giovani e il proprietario del cane sono volati altri insulti e anche un paio di spintoni.

Rissa sfiorata

Si è sfiorata la rissa. Ma proprio quando la situazione stava degenerando, la giovane mamma ha minacciato tutti di chiamare i Carabinieri. Le acque si sono calmate e l’uomo si è allontanato insieme al suo cane, finalmente al guinzaglio. La donna ha riferito che avrebbe sporto denuncia. Non è chiaro se lo abbia fatto.