Discarica nelle cave di Busto Garolfo-Casorezzo: Mezzi rimette le deleghe

5 DICEMBRE 2020

di Ersilio Mattioni

BUSTO-CASOREZZO (MILANO) – Il consigliere metropolitano Pietro Mezzi ha rimesso le sue deleghe nelle mani del sindaco Giuseppe Sala.

Cave, Mezzi rimette le deleghe

Mezzi, ex assessore provinciale ai tempi di Filippo Penati, era titolare dell’Ambiente in Città Metropolitana. Non ha fornito spiegazioni per una scelta che appare incomprensibile. Mezzi infatti ha sempre lavorato con impegno e passione sulle tematiche ambientali e climatiche, rispetto alle quali vanta una conoscenza approfondita.

La lite con Sala

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Negli ambienti politici, tuttavia, circola con insistenza una voce: l’addio di Mezzi sarebbe legato alla discarica nelle Cave di Casorezzo e Busto Garolfo, che la società ‘Solter Srl’ vorrebbe costruire con la ‘benedizione’ di Città Metropolitana. Mezzi, raccontano i beninformati, avrebbe riferito al sindaco Sala la sua indisponibilità a prendere ordini dai tecnici e dai funzionari, senza poter incidere sulle decisioni. E in particolare senza poter agire, assieme ai sindaci di Busto Garolfo e Casorezzo, per bloccare il progetto discarica. Arianna Censi – vicesindaco metropolitano – avrebbe appreso la notizia con favore. Censi, del resto, ha sempre difeso i tecnici dell’ex Provincia, anche nel via libera alla discarica nelle Cave.

I COMMENTI